Un “rosso” produce in Sicilia, il “nero d’Avola”

Un percorso che lo ha condotto dalle sale d’incisione alle botti; potremmo definirlo così il cammino di Mick Hucknell, il popolare cantante inglese del famoso gruppo musicale “Simply Red” (semplicemente rosso). Quasi che questo colore rappresenti il filo conduttore della sua vita: dalla nascita (per i suoi capelli, rossi naturalmente), alla professione (il rosso torna nel nome del suo gruppo), alla sua attività vinicola (il vino, un rosso siciliano robusto, il “nero” d’Avola).
Ha scelto la terra di Sicilia per produrre il suo vino che ha presentato sul mercato italiano ed ora, dopo alcuni anni di lavoro, questo tipico “nero d’Avola” è disponibile sul mercato nazionale.
Sono state escluse le enoteche, le cantine specializzate e i supermercati per la vendita e, cosa del tutto innovativa, si è pensato alla Banca di Sicilia e nello specifico, nei 522 sportelli sparsi sul territorio nazionale.
Mick Hucknell, alcuni anni fa comprò due ettari di vigneti a Pachino (Siracusa) ed altri sei ettari a Milo (Catania), iniziando così la produzione di un vino classico siciliano ora distribuito in Banca come qualsiasi altro prodotto creditizio.
Il “Nero d’Avola”, ricavato dalla vinificazione delle uve prodotte nella moderna azienda agricola, dopo un anno di invecchiamento in barrique, è disponibile dal mese di dicembre presso gli sportelli del Banco di Sicilia al costo di 45 euro, in confezione da due bottiglie.
Il nome dato a questo vino è “Il Cantante”, che è anche quello dell’Azienda agricola di sua proprietà.
Gli esperti hanno avuto parole d’elogio per questa produzione , che presto sarà affiancata da una seconda rarità enologica, ossia il vino “Etna Rosso” che Mick distribuirà sempre attraverso gli sportelli bancari della Banca di Sicilia.
Il “Nero d’Avola” è attualmente uno dei vini maggiormente diffusi nella regione; la superficie vitata complessiva è di quattordicimila ettari.
Le vendite attraverso gli sportelli bancari, hanno superato le previsioni della vigilia. Si tratta di una sperimentazione non nuova, quella di porre in commercio fini Doc al di fuori del mercato tradizionale.

Alfredo Zavanone