Queso Nata de Cantabria

Spagna – La crema di formaggio Cantabria Dop è un formaggio prodotto con latte intero di vacca di razza Frisona. È un formaggio a denominazione di origine protetta. In precedenza era noto come formaggio Cantabria .

È un formaggio pressato. È grasso e contiene un minimo del 45% di grasso sulla sostanza secca. Matura per almeno sette giorni.

Ogni unità pesa tra 400 e 2800 grammi . La corteccia è morbida, biancastra. La pasta è anche biancastra, normalmente priva di occhi, solida e di consistenza cremosa.

La coagulazione del latte viene effettuata con caglio animale , oppure altri enzimi coagulanti sono autorizzati dall’Ente Regolatore. Il caglio proviene dai vitelli da latte delle stesse mucche ” Pintas de Cantabria ” .

Le prime notizie sul formaggio della Cantabria sono nel Cartularium di Santo Toribio de Liébana . Il 15 maggio dell’anno 962 Matecia e il nipote Vicente vendono terreni a Savarico e alla moglie Vistrelli da un “marruana et cabrone e VII casios” .

Usare il formaggio come sostituto della valuta era una pratica comune in questo momento per effettuare vendite in cui alcune cose venivano scambiate con altre.

Per quanto riguarda la comparsa in letteratura di notizie del formaggio di montagna , è anche molto antico, e Rodrigo de Reinosa allude in diversi versi al formaggio riferendosi al recente (recente) e distinguendo il peguial, la ricotta e nomina addirittura il famoso quesada de Pas , che ancora oggi è un prodotto prestigioso.

Le due zone storiche più importanti in termini di caseificazione, Liébana e Villas Pasiegas, attualmente producono poco e producono solo pochi artigiani che continuano la tradizione casearia, ma senza stabilimenti organizzati. Al contrario, altrove nella regione c’è una fiorente industria casearia e casearia.

Da notare che attualmente, in America , sono presenti Cantabrici con importanti caseifici con lavorazioni di tipologie simili a quelle della Montagna.

I formaggi della regione Cantabrica sono molto numerosi e si possono classificare (in relazione al latte animale che viene utilizzato per realizzarli) in: formaggi di vacca, pecora e capra. Si dice che il latte bovino si riferisca a quello a disposizione del contadino nella sua fattoria quando il formaggio è fatto con latte misto, di cui l’esempio più noto è il formaggio picón. A causa del suo tradizionale prestigio, le denominazioni di origine del formaggio cantabrico iniziarono a essere gestite.

Denominazione di origine
Il riconoscimento come denominazione di origine risale al 1985 , con la denominazione “Queso de Cantabria” (Regolamento approvato con Ordinanza del 29 ottobre 1985). È stata iscritta come Denominazione di Origine Protetta nel Registro Comunitario con Regolamento (CE) n. 1107/96 della Commissione del 12 giugno 1996, relativo alla registrazione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di origine secondo la procedura prevista dall’articolo 17 del Regolamento (CEE) n. 2081/92 del Consiglio del 14 luglio 1992.

Con decreto del Ministero dell’Agricoltura, della pesca e dell’alimentazione del 13 febbraio del 2007 ha cambiato il nome di “Queso de Cantabria” con “crema di formaggio Cantabrico” più in linea con la tradizione che ha avuto questo prodotto. E’ altresì denominato cantabrian Cream Cheese.