Occorre fare qualcosa per armonizzare il rapporto ''bambini – TV''

I bambini europei dovranno fare a meno degli spot pubblicitari mirati proprio alla loro persona.
E' quanto propone il rapporto sulla prima fase del progetto "Bambini e obesita".
La ricerca dell' European Heart Network, condotta in 20 Paesi europei, riguarda la diffusione del marketing rivolto ai bambini per cibi ad alto contenuto di grassi e zuccheri.
Il rapporto, discusso a Milano al convegno dell' Associazione per la lotta alla trombosi, prende avvio dalla constatazione che l'obesita' infantile e' in grave aumento.
A Bologna, inoltre, esperti di comunicazioni di massa e pedagogisti si incontrano il 10 maggio per discutere su quanto la pubblicità può ingenerare confusione nella mente dei piccoli, in occasione di un Convegno organizzato per il Cinquantenario della Rai dal titolo "Infanzia e nuovi scenari Tv. 50+1 Il cinquantenario della Rai".
A riprova che in effetti qualcosa è necessario cambiare lo prova un sondaggio fra i bambini.
Il 22% di loro, ad una domanda riferita al Paradiso, hanno risposto che in Paradiso "ci si beve il caffè". La risposta è dovuta ad un celebre spot televisivo.
Proprio per questa ragione ed allo scopo di individuare nuove strategie d'aiuto, preoccupati dell'effetto della Tv sui piu' piccoli, numerosi pedagogisti hanno deciso di accendere le loro "telecamere" di studiosi sui palinsesti Tv per l'infanzia.

Fonte: Ansanews