Nelle Marche, si inaugura la 2° edizione del “BEA”

La splendida riviera di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), nelle Marche, è la cornice ideale in cui si realizza dal 23 al 25 aprile la seconda edizione di “BEA, Banco dell'enogastronomia e dell'artigianato”, la manifestazione organizzata e promossa dal Consorzio Riviera delle Palme per far conoscere, degustare e ammirare le varietà turistiche, enogastronomiche ed artigianali del Medio Adriatico.
Le oltre 7.000 palme, gli oleandri e il mare da un lato, e i borghi dell'entroterra perfettamente conservati dall'altro, sono lo scenario naturale di una delle più complete manifestazioni marchigiane che vede la partecipazione di ottanta aziende del settore dell'enogastronomia e dell'artigianato, e per la quale sono già giunte le richieste di numerosi visitatori italiani e stranieri.
Tra le più interessanti novità di questa edizione spicca la location della manifestazione: la splendida Palazzina Azzurra, suggestiva costruzione storica in stile liberty che ospita la vetrina espositiva delle produzioni più preziose e rappresentative dell'artigianato artistico del Piceno, nonché gli uffici di segreteria e di accoglienza di BEA, mentre nell'area dell'isola pedonale ad essa adiacente, lungo Viale Buozzi, si passeggia tra stand di vino, prodotti enogastronomici e manufatti di artigianato artistico.
L'obiettivo è dunque di destagionalizzare il turismo con una formula che vede anche un maggiore coinvolgimento degli enti appartenenti al comitato promotore che, oltre al Consorzio Riviera delle Palme, vede anche la partecipazione della Regione Marche, del Sistema Turistico Locale Piceno Mare Monti, Cna, Comune di San Benedetto del Tronto, Camera di Commercio, Provincia di Ascoli, Cassa di Risparmio di Ascoli, Assindustria di Ascoli e Coldiretti.
Inoltre, per consentire ai tanti visitatori di conoscere il territorio Piceno sono stati organizzati dei pacchetti turistici e mini-tour mirati, a prezzi in convenzione, per il weekend da trascorrere tra San Benedetto del Tronto e i piccoli borghi situati nelle colline limitrofe, come Grottammare, Offida, Acquaviva Picena, Campofilone e altri.
Per l'occasione sono pronte a presentarsi le annate del nuovo vino Doc “Offida”, che prevede le tipologie Offida Rosso, e i bianchi Offida Pecorino, Offida Passerina, anche nelle versioni Spumante, Passito e Vino Santo.
La produzione vitivinicola in questa zona vanta una tradizione tanto antica che la sua fama era già consolidata in età romana: sono infatti numerose anche le testimonianze letterarie degli autori antichi che ricordano con accenti fortemente positivi i vini piceni. Qui nasce infatti il bianco Falerio dei Colli Ascolani doc e il Rosso Piceno doc che, in una zona più ristretta prevede anche la tipologia “Superiore”.
Oltre ai migliori vini marchigiani, sono protagonisti del BEA anche i prodotti biologici della cui produzione la regione Marche vanta una leadership mondiale, i prodotti alimentari tipici del territorio regionale e una rappresentanza di prodotti nazionali selezionati da un tema specifico.
In questa edizione, infatti, oltre all'ottima qualità dei prodotti presentati in stretto legame con il territorio, BEA vuole contribuire alla nascita di un processo di Certificazione di Qualità del territorio promuovendo, attraverso incontri, seminari e workshop, una riqualificazione dei servizi e dei prodotti.
La presenza dei nuovi partner ha dato un forte impulso alla BEA orientandola verso la valorizzazione della qualità, la salvaguardia delle lavorazioni artigianali e l'informazione dei consumatori.
Per questo, sono state attivate strette forme di collaborazione con l'Associazione Italiana Sommeliers (Ais) delle Marche, con l'associazione di produttori vitivinicoli del Piceno Vinea e con l'Istituto Alberghiero di Stato di San Benedetto del Tronto.
Oltre all'esposizione-degustazione dei prodotti vengono proposte una serie di degustazioni guidate da esperti ed è previsto uno spettacolo particolare per gli studenti delle scuole sull'educazione alimentare.