Identità golose” a Milano: si apre il sipario

Da giovedì 21 a sabato 23 aprile 2022, al MiCo di Milano in via Gattamelata entra in scena Identità golose, il Congresso di Alta cucina.

I grandi protagonisti della cucina italiana e internazionale si incontrano per affrontare il tema Il futuro è oggi.

Questa edizione 2022 ha una nova area tematica “Il Futuro è loro” dedicata ai giovani, che si affianca al palinsesto dei contenuti verticali dedicati alla pasta, alla pizza, al dessert, al gelato, al formaggio, ai cocktail e allo champagne. 

Giovedì 21 aprile si inizia con la masterclass di Benedetto RulloLorenzo Stefanini e Stefano Terigi, alla guida del Giglio a Lucca con alle spalle esperienze in celebri ristoranti italiani e internazionali. Seguiranno i tre fratelli Izzo, Emanuele, Valerio e Maicol, che conducono l’insegna di famiglia a Castellammare di Stabia, Piazzetta Milù. Sarà poi la volta di Antonio Ziantoni, chef patron del ristorante Zia, imperdibile indirizzo gourmet nel quartiere di Trastevere a Roma. 

Nel pomeriggio sale sul palco Zineb Hattab, alla guida del ristorante vegano Kle a Zurigo; a seguire Pierluigi Fais, chef di Josto a Cagliari, indirizzo di impronta contemporanea con forti legami con il territorio sardo. Infine per terminare la giornata Christian Mandura di Unforgettable, a Torino.

Venerdì 22 aprile, la sessione si apre con i fratelli Alessandro e Filippo Billi, alla guida, rispettivamente in cucina e in sala, di Osteria Billis a Tortona, seguiti da Antonio Biafora, chef di Hyle a San Giovanni in Fiore, in Calabria. Conclude la mattinata Fatih Tutak del Türk di Istanbul, interprete contemporaneo dell’alta cucina turca.

Nel pomeriggio, è protagonista la cinese Xinge Liu che gestisce a Firenze, insieme al marito Lapo, Il Gusto Dim Sum: cucina cinese con contaminazioni toscane e italiane. Da Copenhagen, i romani Valerio Serino e Lucia De Luca, con la loro cucina a scarto zero, dal ristorante Terra. Infine da Dubai Himanshu Saini del Trésind Studio, raffinato chef di origine indiana con la sua cucina elegante e complessa. Il Trésind Studio si è da poco trasferito in una nuova location con splendido orto pensile, realizzato in collaborazione con My Farm Dubai, dove lo chef coltiva numerose spezie ed erbe, essenziali per i suoi piatti.

Identità golose ha dato spazio anche al connubio bar-cucina e quest’anno tra gli ospiti presenti, giovedì 21 aprile, l’italiano Simone Caporale, bartender al Sips di Barcellona. Venerdì 22 arriva sul palco Dom Carella, bar manager e proprietario di Carico a Milano insieme a Riccardo Gaspari di Sanbrite Agricucina; a seguire ci sono Mario Farulla, bar manager del nuovo bar al Teatro Lirico di Milano, e la chef Aurora Mazzucchelli dal ristorante Marconi. Poi è la volta di Edoardi Sandri, bar manager dell’Atrium Bar al Four Seasons Firenze con Paolo Lavezzini, executive chef dell’hotel.

Nel pomeriggio arrivano da Londra e dal Connaught Bar, gli italiani Agostino Perrone e Giorgio Bargiani. A seguire Guglielmo Miriello, direttore del Mandarin Bar&Bistrot al Mandarin Oriental Milano. Chiude la giornata Il Locale di Firenze con il bar manager Matteo Di Ienno e lo chef Simone Caponnetto.

Sabato 23 aprile, apre l’ultima giornata Martina Bonci, bar manager dietro al nuovissimo Gucci Giardino 25 a Firenze insieme a Karime Lopez e Kondo Taka Takahiko, entrambi alla guida di Gucci Osteria da Massimo Bottura a Firenze. Dopo di loro, arriva la mixology Tiki del Rita di Milano con Andrea Arcaini.

Nel pomeriggio, accanto a Mattia Pastori di Nonsolococktails c’è Franco Pepe; segue la masterclass con Sabina Yausheva, premiata nella Guida Identità Golose 2022 come migliore bartender donna in Italia.

Chiudono la programmazione dello spazio Identità Cocktail, Daniele Bresciani bar manager del Bamboo Bar dell’Armani Hotel a Milano e lo chef dell’Armani Restaurant Francesco Mascheroni.