Asparago bianco di Bassano

L'Asparago Bianco di Bassano DOP è un ortaggio che appartiene al tipo locale delle varietà Comune o Chiaro di Bassano.
I terreni della zona di produzione sono di tipo sabbioso, con un sottosuolo ricco di ghiaia e una buona permeabilità, situati in una zona climatica che risente della presenza del fiume Brenta. Il periodo di raccolta degli asparagi è compreso fra il primo marzo e il 15 giugno.
L'Asparago Bianco di Bassano DOP presenta turioni di forma allungata, di colore bianco rosato, ben formati, dritti, interi, con apice serrato. Al consumo i turioni non devono mostrarsi vuoti, né spaccati, né pelati, né spezzati. Devono inoltre presentare bassa fibrosità e devono essere teneri, in quanto non sono ammessi turioni con principi di lignificazione. Le sue caratteristiche intrinseche sono, oltre al colore, la tenerezza e il profumo, dato da un equilibrio nelle componenti dolce-amaro derivanti dalla composizione dei terreni.
La zona di produzione dell'Asparago Bianco di Bassano DOP comprende i comuni di Bassano del Grappa, Cartigliano, Cassola, Mussolente, Pove del Grappa, Romano d'Ezzelino, Rosà, Rossano Veneto, Tezze sul Brenta e Marostica, in provincia di Vicenza, nella regione Veneto.
L'Asparago Bianco di Bassano Dop ha origini antiche e leggendarie. Documenti della Repubblica della Serenissima, risalenti al primo Cinquecento, descrivono l'asparago come cibo nobile offerto nei banchetti ad ospiti di gran riguardo. Nel 1847 il professore Terrazzi affermava che "…gli asparagi bassanesi sì candidi, sì buoni, sì saporosi non vogliono essere altrimenti lodati: sono il dono più bello e gradito della nuova stagione…".
L'Asparago Bianco di Bassano DOP è facilmente deperibile, pertanto va conservato in maniera corretta e consumato entro pochi giorni dalla raccolta. Per mantenerne inalterate le caratteristiche qualitative è opportuno immergerlo in acqua ad una temperatura tra i 6° e gli 8° C per rallentare l'ossidazione ed evitarne l'esposizione prolungata alla luce e all'aria. La tenerezza e il profumo particolarmente delicato lo rendono adatto a molteplici usi culinari in abbinamento a risotti, minestre, paste e insalate. La delicatezza e la fragranza dei turioni bassanesi permettono al consumatore di gustarli in tutta la loro lunghezza.
Il prodotto è immesso in commercio nella sola tipologia Asparago Bianco di Bassano DOP. È commercializzato in mazzi, legato con una stroppa, giovane ramo di salice, ed è confezionato in imballaggi di plastica, legno o altro materiale idoneo.
Nel Bassanese l'Asparago Bianco di Bassano DOP ha trovato una sua nicchia ideale nei terreni di origine alluvionale. Questo è un elemento di base per spiegare la qualità del prodotto, che trova un secondo elemento favorevole nel clima particolarmente mite della zona.
Asparago bianco di Bassano