Ue, da gennaio giro di vite su quattro Pfas in alimenti

Limiti più severi per i “forever chemicals”*

Dal 1 gennaio 2023, l’Ue applicherà limiti più severi per la presenza di quattro sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) negli alimenti.

Gli Stati membri Ue hanno sostenuto all’unanimità la proposta della Commissione sulla regolamentazione delle molecole, note anche come “forever chemicals” perché non si degradano nell’ambiente. “Oggi stiamo compiendo un altro passo per aumentare il livello di sicurezza alimentare nell’Ue e proteggere meglio i cittadini dalle sostanze chimiche nocive”, ha commentato la Commissaria Ue alla salute Stella Kyrikiades aggiungendo che impegnarsi “a mettere al primo posto la salute dei cittadini” è “una priorità costante e immutabile” della Commissione Ue.

*Le sostanze nocive per- e polifluoroalchiliche (PFAS) sono un problema urgente di salute pubblica e ambientale.

Per saperne di più

24 novembre 2022

Dal filo interdentale , alle padelle , agli imballaggi alimentari , nuovi studi continuano a scoprire l’uso dei PFAS, i “prodotti chimici per sempre” nei prodotti che usiamo nella nostra vita quotidiana. Ora un nuovo studio suggerisce che i nostri cani e gatti potrebbero essere esposti a queste sostanze chimiche potenzialmente pericolose attraverso i loro sacchetti di cibo.

Lo studio , condotto dal gruppo di difesa della salute pubblica con sede negli Stati Uniti, l’ Environmental Working Group , ha testato 11 buste di cibo per animali di sette marche. I risultati suggeriscono che alcuni sacchetti di alimenti per animali domestici potrebbero essere contaminati da PFAS.

I PFAS sono una famiglia di oltre 4.700 sostanze chimiche utilizzate nell’industria per contribuire a conferire ai prodotti proprietà resistenti all’acqua e al grasso. Non si degradano naturalmente e possono accumularsi nell’ambiente, così come negli animali e nelle persone. La ricerca ha collegato l’esposizione al PFAS con impatti negativi sulla salute umana, inclusa l’interferenza con i nostri sistemi ormonali e riproduttivi e la promozione dello sviluppo di alcuni tipi di cancro.

I ricercatori hanno testato il “fluoro totale” nei sacchetti di cibo, che può indicare la probabile presenza di PFAS. Per i sacchetti di cibo per gatti i livelli più alti di fluoro totale trovati sono stati di 630 parti per milione (ppm), con il livello più alto nei sacchetti di cibo per cani trovato di 590 ppm. Hanno quindi testato le sacche con le più alte concentrazioni di fluoro per PFAS specifici e hanno trovato sette diversi PFAS in quattro sacche

Sebbene questo studio non abbia cercato di scoprire se il cibo stesso contenesse PFAS, studi precedenti hanno concluso che il PFAS negli imballaggi ha il potenziale per migrare nel cibo contenuto all’interno, quindi esiste un potenziale rischio che gli animali domestici mangino cibo che è stato contaminato con PFAS. Con studi su altri animali che dimostrano che i PFAS possono causare una risposta immunitaria ridotta e problemi ai reni/fegato , è preoccupante pensare che i nostri animali domestici potrebbero essere esposti inutilmente a sostanze chimiche nocive.

Gli esseri umani e gli animali sono ancora esposti a molte sostanze chimiche tossiche nelle loro case e nei loro ambienti. È importante che vengano prese misure legislative per ridurre l’uso di sostanze chimiche dannose, motivo per cui CHEM Trust e il “Ban PFAS manifesto” del partner sollecitano la Commissione europea e gli Stati membri dell’UE a vietare i PFAS nei prodotti di consumo entro il 2025 e in tutti gli usi entro il 2030 .