Lavorare meno? Si può

La sperimentazione conferma che la settimana corta aumenta benessere e produttività

Di Jan-Emmanuel De Neve, Valigia blu

Un gruppo di aziende che ha sperimentato la settimana lavorativa di quattro giorni ha di recente registrato un aumento delle entrate e un minor numero di assenze o dimissioni tra i dipendenti. Mentre è facile comprendere gli effetti di una settimana più corta sul benessere dei lavoratori, gli effetti positivi sui guadagni e sulla produttività delle aziende potrebbero essere una sorpresa, ma la ricerca lo conferma.

Queste aziende hanno partecipato a una sperimentazione organizzata dalla no profit 4 Day Week Global. La sperimentazione della settimana lavorativa di quattro giorni, che ha coinvolto 33 aziende e quasi 1000 dipendenti, non ha comportato alcuna perdita di retribuzione per questi ultimi – le aziende hanno pagato il 100% dello stipendio per l’80% del tempo. Ma i dipendenti si sono anche impegnati a fare il 100% del loro impegno abituale durante la settimana lavorativa più corta.

Questo tipo di strategia non funziona solo per chi lavora in ufficio dalle nove alle cinque. L’Islanda ha sperimentato la riduzione dell’orario di lavoro tra il 2015 e il 2019 in un programma che comprendeva ospedali, scuole e operatori dei servizi sociali. Il paese lo ha considerato un “successo travolgente” e l’orario ridotto – senza riduzione della retribuzione – è stato esteso all’86% della forza lavoro islandese.

Nel corso della storia, i nostri modelli di lavoro si sono adattati alle sfide del momento: che si tratti di più tempo a faticare al telaio industriale o di un agricoltore che sposta l’orario per ottenere la produttività durante le ore di luce del giorno. Ma ora, a quasi un secolo dall’introduzione del “weekend” di due giorni da parte di Henry Ford nelle sue fabbriche, molte nazioni sono ancora bloccate da una settimana di 40 ore suddivise in cinque giorni di lavoro, indipendentemente dal settore. Questo modo di lavorare è sempre più in contrasto con i nostri stili di vita del XXI secolo.

Gli ultimi risultati del progetto pilota globale della settimana di 4 giorni sono in linea con le ricerche in corso sui modelli di lavoro che dimostrano che la riduzione dell’orario di lavoro aumenta la salute mentale dei dipendenti e la loro produttività. Inoltre, comporta altri vantaggi, come la riduzione delle emissioni grazie all’abbattimento degli spostamenti e la possibilità di valutare la nostra vita non solo in termini monetari.

Una migliore salute mentale
Nonostante la forte crescita economica registrata a partire dagli anni ’70, sono stati compiuti pochissimi progressi nella liberazione del tempo per i lavoratori. Anzi, in alcuni casi la tendenza si è invertita: Gli americani lavorano oggi più ore di quanto non facessero nel 2000, ad esempio.

Questo sta iniziando a incidere sul benessere e sulla salute mentale dei dipendenti. Non ci vuole molto a capire che l’essere diventati molto più produttivi nell’ultimo secolo (grazie soprattutto alla tecnologia) significa che ai nostri cervelli umani viene chiesto di elaborare molto di più durante una settimana lavorativa di cinque giorni rispetto al passato. Ciò ha portato a un enorme aumento dello stress, dell’ansia e del burnout.

Questo fenomeno sta colpendo in modo particolare i servizi sanitari nazionali e le famiglie. Ma anche i datori di lavoro ne stanno facendo le spese: la società di consulenze Deloitte ha stimato in 45 miliardi di sterline il costo annuale dei problemi di salute mentale per i datori di lavoro nel solo Regno Unito. Ciò è dovuto principalmente all’assenteismo, o peggio al “presenteismo”, ovvero quando una persona è fisicamente presente al lavoro ma non si impegna perché si sente male.

L’Office for National Statistics del Regno Unito stima che nel 2021-22 ci saranno 17 milioni di giorni di lavoro persi a causa di stress, depressione o ansia. Le stesse tendenze si riscontrano anche nella maggior parte degli altri paesi ricchi.

Aumento della produttività
Naturalmente i capi d’azienda potrebbero pensare: “Se i miei dipendenti lavorano il 20% di tempo in meno, sicuramente anche la produzione diminuirà”.

Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che non è così. Infatti, i paesi che lavorano meno ore sono spesso i più produttivi su base oraria. Questi paesi, come Danimarca, Norvegia e Paesi Bassi, sono anche i più felici. Tutti lavorano in media meno di 1400 ore all’anno, rispetto alla media degli Stati Uniti e del Regno Unito di circa 1800 ore.

La mia ricerca, in collaborazione con British Telecom, aiuta a spiegare perché lavorare meno ore non significa necessariamente una perdita equivalente di produzione. Siamo riusciti a dimostrare l’effetto positivo del sentirsi meglio durante la settimana sulla produttività settimanale. Abbiamo riscontrato un aumento delle vendite e delle chiamate all’ora quando i lavoratori sono felici.

Sulla base della nostra ricerca, riteniamo che i cambiamenti nell’equilibrio tra vita privata e lavoro e i miglioramenti del benessere derivanti dai progetti pilota della settimana di 4 giorni possano portare a un aumento della produttività di circa il 10%.

Naturalmente, un aumento del 10% della produttività individuale non compenserà immediatamente i dipendenti che lavorano un giorno in meno. Ma questi aumenti di produttività ridurrebbero il costo del passaggio a una settimana lavorativa più breve. Per sostenere questo cambiamento potrebbero essere necessari investimenti e sovvenzioni da parte del governo e delle imprese, ma le persone e il pianeta hanno molto da guadagnarci.

Riduzione delle emissioni
È anche importante pensare in modo più organico ai benefici della settimana di quattro giorni, al di là della produttività e del benessere. Una settimana più corta potrebbe persino ridurre le emissioni di anidride carbonica del Regno Unito, grazie alla limitazione del pendolarismo, partendo dal presupposto che la maggior parte delle persone non viaggerà o viaggerà molto meno nel giorno libero. La settimana di quattro giorni potrebbe avere un effetto positivo anche sull’uguaglianza di genere, dal momento che i progetti pilota indicano che le donne registrano i maggiori aumenti di benessere.

Il dibattito sulla settimana di quattro giorni scalfisce anche la superficie di una discussione in corso tra gli economisti. Il PIL è stato a lungo utilizzato come misura definitiva del progresso di una nazione, spesso con l’effetto di vedere i politici rincorrere la crescita ad ogni costo. Ma un paese è molto più del suo prodotto interno lordo.

Vedere i risultati positivi dei tentativi di implementare una settimana lavorativa di quattro giorni potrebbe convincere i leader economici e politici a ridistribuire parte dei guadagni del PIL in termini del nostro bene più prezioso: il nostro tempo. Questo sì che potrebbe essere considerato un vero progresso.

*Jan-Emmanuel De Neve è direttore del Wellbeing Research Centre presso l’Università di Oxford.

Fonte: Valigiablu.it