Ue-Cina, al Top della qualità due prodotti italiani

"Un passo molto importante in sede di cooperazione bilaterale che conferma l'impegno dell'Italia, in seno all'Unione Europea, per il riconoscimento dei prodotti di qualità".
Queste le parole del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Paolo De Castro nell'annunciare l'accordo, siglato l'11 luglio scorso tra Ue e Cina, che "riconosce il Grano Padano e il Prosciutto di Parma tra i dieci prodotti europei di qualità da proteggere".
Nel corso di un incontro, che si è svolto nella Repubblica popolare, le due parti hanno concordato di registrare l'indicazione geografica di dieci prodotti cinesi e di dieci prodotti europei. Fra questi, ben due, nell'Europa a ventisette, sono Made in Italy.
"E' stato fatto un passo in più per cooperare nel proteggere i prodotti di qualità, spiega il ministro De Castro . E' la prima volta che l'Unione europea e un Paese terzo, avviano un' iniziativa per registrare un gruppo di indicazione geografiche. E' con grande soddisfazione che noi, da sempre fortemente impegnati per l'affermazione dell'origine, accogliamo il riconoscimento del Prosciutto di Parma e del Grana Padano. Sono tra i fiori all'occhiello del nostro agroalimentare, due prodotti per i quali si aprono nuove ed importanti prospettive di mercato. l'Italia guarda con particolare attenzione alla Cina, un mercato dalle enormi potenzialità, conclude il ministro, stiamo lavorando per rafforzare la cooperazione in questa area ".