Alici marinate, Salame, Caffè in capsule e Formaggi richiamati dalla vendita per rischio alimentare

Formaggio Brillo di Treviso

Sotto le Feste ci si permette qualche acquisto “sfizioso”, come le alici marinate pronte in vaschetta, oppure una fetta di salame o un pezzo di formaggio. Ebbene, occorre però anche porre molta attenzione a ciò che si compera perché potremmo mettere a rischio la salute in questo periodo natalizio

Il ministero della Salute segnala che alcuni lotti a marchio “Eredi Panico di Panico Filomena” potrebbero contenere le larve Anisakis.

I lotti in questione ritirati:

alici marinate dolci sott’olio, vanno dallo 010922 al 111122 in vaschette del peso di 150, 180 e 900 grammi e vasi da 314 e 330 grammi. Il marchio di identificazione dello stabilimento del produttore è IT2911 e la sede dello stabilimento si trova a Somma Vesuviana, in provincia di Napoli. In questo caso, non c’è alcuna data di scadenza che possa aiutare i consumatori nell’identificazione delle alici in questione.

Come detto, il ministero ha motivato la segnalazione con “rischio fisico” per la “possibile presenza” delle larve di Anisakis. Tra le avvertenze si legge che “le alici non devono essere consumate ma conservate con dicutura non vendibile in attesa di ritiro”: in pratica, i commercianti dovranno scrivere l’apposita dicitura così da non confonderli con le altre non contaminate e impedire che il consumatore possa essere tratto in inganno acquistandole. Purtroppo, questo tipo di alimento non è nuovo a richiami dal ministero così come accaduto in passato con altre alici vendute sott’olio e in vaschette.

Cos’è il verme Anisakis

L’Anisakis è una tipologia di verme che vive normalmente all’interno di molte specie marine tra le quali figurano delfini, balene e foche e che sono riconoscibili anche a occhio nudo perché possono essere grandi fino a 3cm. Quando si tratta di alici occupano la zona inferiore del loro interno con una colorazione più simile al bianco. Se dovessero essere ingeriti accidentalmente possono provocare un’infezione chiamata anisakidosi tipica del tratto gastrointestinale. Come spesso capita, se questo e altri cibi vengono opportunamente cotti e cucinati, qualsiasi batterio o verme viene eliminato: viceversa, si rischia se vengono ingerite a crudo.

Recentemente è stato richiamato dal mercato anche un lotto di salame Milano a rischio salmonella: si tratta del L22D259 la cui scadenza è prevista il 17 gennaio 2023: anche in questo caso, la raccomandazione è di non consumare il prodotto e riportarlo al punto vendita (Aldi) per il rimborso.

Caffè espresso in capsule con i marchi Caffè Trombetta e Lo Zio d’America per la potenziale presenza di ocratossina A oltre i limiti di legge. I prodotti interessati sono i seguenti:

L’espresso arabica in capsule compatibili a marchio Caffè Trombetta, in confezioni da 10 capsule (55 grammi), con il numero di lotto 02AD07B e il termine minimo di conservazione (Tmc) 07/02/2024;

Espresso arabica in capsule compatibili a marchio Lo Zio d’America, in confezioni da 10 capsule (55 grammi), con il numero di lotto 01CD07B e il Tmc 07/02/2024;

Espresso arabica in capsule compatibili a marchio Lo Zio d’America, in confezioni da 50 capsule (275 grammi), con il numero di lotto 02CD05B e il Tmc 05/02/2024.

Il caffè richiamato è stato prodotto dall’azienda Caffè Trombetta Spa nello stabilimento di via Castelli Romani 132, a Pomezia, nella città metropolitana di Roma Capitale.

In precedenza, sempre per la possibile presenza di ocratossina A oltre i limiti, Consilia e Adoro avevano già segnalato il richiamo di alcuni lotti di caffè espresso in cialde e capsule a marchio Consilia, prodotti sempre dall’azienda Caffè Trombetta.

Il caffè richiamato è stato prodotto dall’azienda Caffè Trombetta Spa nello stabilimento di via Castelli Romani 132, a Pomezia, nella città metropolitana di Roma Capitale.

In precedenza, sempre per la possibile presenza di ocratossina A oltre i limiti, Consilia e Adoro avevano già segnalato il richiamo di alcuni lotti di caffè espresso in cialde e capsule a marchio Consilia, prodotti sempre dall’azienda Caffè Trombetta.

Un lotto di formaggio Brillo di Treviso a marchio Accademia del Formaggio per la presenza di Listeria. Il prodotto in questione è venduto in forme intere da 380 grammi circa sottovuoto con il numero di lotto 08162J22 e le date di scadenza 13/03/2023. 16/03/2023 , 05/04/2023, 09/04/2023, 12/04/2023 e 13/04/2023.

Il formaggio richiamato è stato prodotto dall’azienda La Casearia Cerpenedo Srl, nello stabilimento di via Santandrà 17, a Povegliano, in provincia di Treviso (marchio di identificazione IT 05 294 CE).

A scopo precauzionale, si raccomanda di non consumare i prodotti con i marchi e i numeri di lotto indicati, e restituirli al punto vendita d’acquisto.