“Riso & Rose” in Monferrato

Primavera, momento ideale per uscire ed utilizzare il tempo libero per un fine settimana od anche solo per una gita "gioiosi" nel Monferrato casalese.
Sabato 13 e domenica 14 maggio, per il sesto anno consecutivo, viene riproposto ai turisti l'evento "Riso & Rose" che tanto successo ha riscosso nelle scorse edizioni.
Un incontro, o meglio diversi momenti realizzati da quaranta Comuni del territorio per rendere piacevole ed interessare chi sceglierà di trascorrere il fine settimana nelle loro zone.
Come gli scorsi anni, la manifestazione non si esaurirà in un paio di giorni, bensì si protrarrà per le settimane successive e conterà anche il fine settimana in più rispetto alle passate edizioni, un’occasione in più per i turisti che fino a domenica 4 giugno potranno approfittare delle bellezze naturali e delle bontà enogastronomiche della zona.
Varie e molteplici, come al solito, le occasioni di svago e di benessere in programma, in un susseguirsi di eventi artistici, culturali, ed enogastronomici cui farà da degna cornice un dolce e verde paesaggio di indubbio valore e suggestione, ricco di forme e di colori, di testimonianze storiche e culturali.
In particolare gli appassionati di giardinaggio, di arte, di enogastronomia e di turismo rurale, potranno ritrovare gli ormai consolidati appuntamenti come la classica risottata nella piazza di Pontestura e sul tema della rosa, “Coniolo fiori", il caratteristico mercatino florovivaistico di Coniolo, con annesso concorso sulle rose ed esposizione di aiuole.
I cultori dell’arte moderna potranno poi stupirsi di fronte a Ris-Alto, la mostra d’arte moderna di Camino che proporrà ancora una volta i particolarissimi mosaici di artisti di fama nazionale e internazionale realizzati con chicchi di riso colorati.
Gli amanti dello sport all’aria aperta potranno assistere alla “Cavalcata della Rosa”, che impegnerà i Comuni di pianura del Po, mentre le signore che si dedicano all’hobbistica tipicamente femminile potranno ammirare la mostra di schemi punto croce, pizzi e tessuti della Valle d’Aosta organizzata a Rosignano e denominata "De la vie en Rose à la vie en Rouge".
In terra di vini, è da segnalare anche "Vino a corte" a Gabiano con esposizione e degustazione di vino e prodotti tipici.
Fra gli appuntamenti innovativi vi è la rievocazione storica di Moncalvo; dopo settecento anni, Teodoro 1° Paleologo arriverà dall’Oriente per prendere possesso del Monferrato.
Moncalvo proporrà animazioni con incursioni militari, spettacoli teatrali e al termine della giornata una cena medievale in costume.
Sfoggio di abiti d’epoca anche nella sfilata di Quargnento, che insieme a giocolieri e a sbandieratori assisterà al Palio dell’oca bianca. Re e regine, alfieri e pedoni in carne e ossa si inseguiranno su un’enorme scacchiera nella partita con scacchi viventi di Ozzano, organizzata all'interno “Di rosa in corte”. Inoltre, il comune di San Giorgio si impegnerà a offrire grandi “Emozioni… in rosa” con la mostra di manufatti con le rose e con la sfilata di moda, mentre Valenza presenterà una rassegna di opere di artigianato e lavorazioni orafe durante “Riso e Sorriso”.
Non resterà ignorato il mondo dei motori: a Fubine, nell’ambito della Sagra dell’asparago, avrà luogo un’interessante esposizione di moto d’epoca, mentre a Vignale durante “Riso vino voli” vi sarà un raduno di moto "Vespa" insieme a voli in mongolfiera.
A Lu Monferrato per “Rose e motori, risate e sapori…e turtid’nisoli” un altro vespa raduno e una curiosa corsa di mezzi non a motore autocostruiti.
A chiudere la variegata kermesse arriverà il 4 giugno l’evento proposto da Casale Monferrato, che quest’anno si presenta con la "Festa ebraica delle rose", evento clou e finale del festival Internazionale di cultura ebraica legata in particolare al tema della convivialità e del Riso inteso come umorismo. Accanto infatti alla offerta per tutto il periodo di Riso & Rose di quattro mostre permanenti e a una serie di incontri culturali su temi diversi, l’evento avrà il suo apice nel weekend finale, tra le piazze, i cortili, gli splendidi palazzi casalesi e la Sinagoga che per l’occasione verrà aperta al pubblico. In calendario per la giornata si trovano alcuni spettacoli di carattere musicale e teatrale, una sagra gastronomica che porterà a tavola la cucina Kosher piatti giudaico-monferrini, la possibilità di scoprire dal vivo il cuore religioso della comunità ebraica, dal momento che si potrà approfittare dell’ospitalità di "Pesach delle rose", la presenza di bancarelle di "libri e rose" e di mercatini nel centro della città, e un libro pubblicato per l’occasione dedicato a come "ridere di sé", la migliore terapia per non offendere gli altri con vignette offensive.
Fra i diversi appuntamenti proposti vi è solo l'imbarazzo della scelta ed è certo che anche questa sesta edizione sarà contrassegnata da sicuro successo.

Pietro Tibaldeschi