Profilazione dei nutrienti: consulenza scientifica per l’iniziativa dell’UE Farm to Fork (dalla Fattoria alla tavola)

Ti sei già registrato alla ONE Conference 2022? Registrati ora per partecipare di persona o segui l’evento online

Gli apporti di energia, grassi saturi, sodio e zuccheri aggiunti/liberi sono troppo elevati in Europa, quindi ridurli aiuterebbe a combattere le malattie croniche legate a diete malsane. L’assunzione di fibre e potassio nella dieta, tuttavia, è troppo bassa nella maggior parte delle popolazioni adulte europee, quindi aumentarle contribuirebbe anche a migliorare la salute.

Questi sono tra i principali risultati del parere scientifico dell’EFSA relativo alla profilazione dei nutrienti, pubblicato oggi. I nostri esperti di nutrizione hanno identificato i nutrienti e le componenti alimentari non nutrienti di importanza per la salute pubblica per gli europei, i gruppi alimentari con ruoli importanti nelle diete europee e i criteri scientifici per guidare la scelta dei nutrienti per la profilazione dei nutrienti.

La Commissione europea ha richiesto il parere scientifico dell’EFSA per informare sia lo sviluppo di un futuro sistema a livello dell’UE per l’etichettatura nutrizionale sulla parte anteriore della confezione, sia le condizioni per limitare le indicazioni nutrizionali e sulla salute sugli alimenti. È importante sottolineare che l’EFSA non ha valutato né proposto un particolare modello di profilazione dei nutrienti per nessuno di questi scopi. (Vedi di più sull’opinione nelle domande frequenti di seguito.)

Ampio coinvolgimento durante la consultazione

L’EFSA ha tenuto una consultazione pubblica sul progetto di parere da novembre 2021 a gennaio 2022. Ciò ha generato 529 commenti da 83 organizzazioni e individui in 21 paesi.

Ana Afonso, capo dell’unità Nutrizione e innovazione alimentare dell’ESFA, ha dichiarato: “Vorremmo ringraziare tutti coloro che hanno contribuito con il feedback. I nostri scienziati hanno esaminato ogni commento e considerato ogni domanda. Il suo contributo ci ha aiutato a chiarire l’ambito della nostra valutazione e a delineare più precisamente il nostro contributo scientifico da fattori al di fuori del mandato dell’EFSA”.

Alcuni commenti hanno indicato un’incomprensione circa il ruolo e le responsabilità dell’EFSA nel settore della nutrizione. Questi problemi sono risolti nelle domande frequenti di seguito.

Cosa succede dopo?

Nell’ambito della strategia Farm to Fork , la Commissione Europea intende proporre una revisione della normativa esistente sulla fornitura di informazioni alimentari ai consumatori alla fine del 2022. Il contributo scientifico dell’EFSA informerà la proposta della Commissione insieme ad altre prove raccolte dalla Commissione. È possibile seguire gli aggiornamenti futuri man mano che vengono resi disponibili sul sito web della Commissione .

Consulenza scientifica relativa alla profilazione dei nutrienti per lo sviluppo di un’etichettatura nutrizionale obbligatoria armonizzata nella parte anteriore della confezione e la definizione di profili nutrizionali per limitare le indicazioni nutrizionali e sulla salute sugli alimenti

Domande frequenti

  1. Quali criteri scientifici dovrebbero essere utilizzati per guidare la scelta dei nutrienti per la profilazione dei nutrienti?

La scelta dei nutrienti dovrebbe essere guidata principalmente dalla loro importanza per la salute pubblica, cioè quando assunzioni eccessive o inadeguate sono associate a effetti negativi sulla salute. Tuttavia, possono essere inclusi per altri motivi, ad esempio perché sono indicatori di altri nutrienti di importanza per la salute pubblica o per dare priorità al consumo di determinati alimenti all’interno della stessa categoria alimentare.

Come esempio di quest’ultimo, il nostro parere rileva che i gestori del rischio potrebbero decidere di includere alcuni omega-3 nei modelli di profilazione dei nutrienti per incoraggiare il consumo di pesce grasso in linea con le loro raccomandazioni dietetiche. Possono scegliere di farlo anche se i dati sull’assunzione di questi acidi grassi non sono sufficienti per concludere se vengono consumati o meno in quantità adeguate.

Quali nutrienti potrebbero essere considerati nei modelli di profilazione dei nutrienti?

Nei modelli di profilazione dei nutrienti si potrebbe considerare quanto segue:

L’assunzione di grassi saturi, sodio e zuccheri aggiunti/liberi supera le raccomandazioni dietetiche nella maggior parte delle popolazioni europee e l’assunzione in eccesso è associata a effetti negativi sulla salute.
Considerando l’elevata prevalenza di sovrappeso e obesità in Europa, una diminuzione dell’assunzione di energia è di importanza per la salute pubblica per le popolazioni europee.
Le assunzioni di fibre e potassio nella dieta sono inadeguate nella maggior parte delle popolazioni adulte europee e assunzioni inadeguate sono associate a effetti avversi sulla salute.
L’assunzione di ferro, calcio, vitamina D, folati e iodio è inadeguata in specifiche sottopopolazioni. Mentre l’aumento dell’assunzione con la dieta di questi nutrienti spesso non è sufficiente per soddisfare i loro bisogni, alcuni alimenti/gruppi di alimenti danno un contributo importante alla loro assunzione . Questi sono di solito affrontati dalle politiche nazionali e/o dai consigli individuali.

Quali sono i principali gruppi alimentari che contribuiscono alle diete europee?

I ruoli dietetici e i relativi contributi dei diversi gruppi alimentari variano nei paesi europei a causa delle abitudini e delle tradizioni alimentari.

Includono alimenti ricchi di amido (principalmente cereali e patate), frutta e verdura, legumi e legumi, latte e latticini, carne e prodotti a base di carne, pesce e crostacei, noci e semi e bevande analcoliche, come riconosciuto nella dieta alimentare nazionale linee guida negli Stati membri .

Quali gruppi di alimenti sono raccomandati a livello nazionale?

Le linee guida nazionali incoraggiano il consumo di cereali integrali, frutta e verdura, noci e semi, latte magro e latticini, pesce e acqua. I prodotti alimentari ricchi di grassi saturi, zuccheri e/o sodio dovuti alla lavorazione degli alimenti sono generalmente sconsigliati, anche all’interno di queste categorie alimentari.

Le linee guida nazionali incoraggiano inoltre il consumo regolare di legumi e legumi che sostituiscono parzialmente la carne (in particolare carne rossa e carni lavorate) e il consumo di oli vegetali ricchi di grassi monoinsaturi e polinsaturi (es. oli di oliva, girasole, mais e colza) al posto dei grassi ad alto contenuto di grassi saturi (ad es. oli di palma e di cocco, burro e altri grassi animali).

È stato chiesto all’EFSA di definire profili nutrizionali per l’etichettatura sulla parte anteriore della confezione e per limitare le indicazioni nutrizionali e sulla salute sugli alimenti? Perché l’EFSA non fornisce una consulenza completa su come impostare i profili nutrizionali?

La Commissione Europea in qualità di risk manager proporrà il modello di profilazione dei nutrienti da utilizzare per questi due diversi scopi. Non è un compito dell’EFSA.

I nostri esperti scientifici hanno affermato che le stesse considerazioni scientifiche potrebbero essere alla base della definizione di modelli di profilazione dei nutrienti per entrambi gli scopi. Tuttavia, è una scelta per i gestori del rischio se utilizzare lo stesso modello o modelli diversi per ogni scopo.

La Commissione Europea ha richiesto pareri scientifici solo su alcuni aspetti specifici: identificazione dei nutrienti e dei componenti non nutritivi (es. energia, fibra alimentare) di importanza per la salute pubblica per le popolazioni europee, gruppi alimentari con un ruolo importante nelle diete europee e criteri che potrebbero guidare la scelta dei nutrienti e dei componenti alimentari non nutritivi per i modelli di profilazione dei nutrienti.

All’EFSA non è stato chiesto : se i profili nutrizionali dovessero essere definiti per gli alimenti in modo generale e/o per categorie di alimenti; su un approccio per il calcolo dei profili (soglia vs. sistemi di punteggio); sulla scelta della quantità/base di riferimento per i profili nutritivi (cioè per unità di energia, peso o volume del prodotto vs per porzione); o, sulla fattibilità e la sperimentazione di modelli di profilazione dei nutrienti. Questi aspetti sono stati affrontati dall’EFSA nel 2008 in relazione alla definizione dei profili nutrizionali per gli alimenti recanti indicazioni nutrizionali e sulla salute, ma nel 2022 erano fuori campo.

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni sulla portata di questo parere scientifico e per le risposte alle domande relative al nostro ruolo nutrizionale, consultare le nostre FAQ più dettagliate:

Domande frequenti sul parere scientifico dell’EFSA relativo alla profilazione dei nutrienti per l’etichettatura armonizzata sulla parte anteriore della confezione e la limitazione delle indicazioni sugli alimenti (Soltanto inglese)

L’EFSA, in collaborazione con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA), l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA), l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e il Centro comune di ricerca (JRC) della Commissione europea , organizza la ONE – Health, Environment, Society – Conference 2022 dal 21 al 24 giugno a Bruxelles e online. L’evento riunirà scienziati ed esperti di diversa estrazione per esplorare la sicurezza di alimenti e mangimi dalla prospettiva più ampia dei sistemi alimentari sostenibili, discutendo le sfide dell’attuazione di un approccio “Una salute – Un ambiente” e nuovi sviluppi nella scienza della valutazione del rischio.

Per richieste contattare: Edward.BRAY@efsa.europa.eu