Premio ''BioAlimenta il domani'': ecco i vincitori

Premio “BioAlimenta il domani” 2009:
dieci classi premiate per progetti sull’alimentazione biologica, sana e buona per l’uomo e l’ambiente

Alle prime tre classificate un soggiorno-studio ad Asiago

Oltre 2000 classi, di diverse zone d’Italia, con un unico e prezioso obiettivo: diffondere in maniera creativa e incisiva la cultura del cibo sano tra i giovani e le pratiche di un’alimentazione corretta e al contempo sostenibile. E’ con queste finalità che il progetto BioAlimenta il domani, promosso da Legambiente e Rigoni di Asiago, attribuisce quest’anno il premio della seconda edizione a dieci istituti scolastici che si sono distinti per i lavori sviluppati attorno al tema scelto per l’anno 2008/2009: “Un frutto biologico tutto salute per l’ambiente e per l’uomo”. Tante le scuole che hanno risposto all’iniziativa, e tra di esse tre in particolare che verranno premiate con un riconoscimento speciale: una vacanza studio di tre giorni ad Asiago. La classe 3A dell’Istituto Comprensivo A. Moro di Campagna Lupia (VE), che con il progetto dal titolo “Benvenuti a tavola” ha dato vita ad un percorso educativo interdisciplinare e partecipativo, avvalendosi della collaborazione attiva degli studenti in tutte le fasi di realizzazione; le classi 2A, 2C e 3C dell’Istituto comprensivo B. Lorenzi di Fumane (VR), premiate per il lavoro “Bio?…Si!” che ha dato un importante contributo alla crescita e alla formazione di cittadini responsabili, attraverso il cambiamento degli stili di vita, coinvolgendo diversi soggetti del territorio; le classi 3E, 2F e 3H dell’Istituto Comprensivo A. Bonsignore di Licata (AG) che hanno realizzato il progetto “In forma e allenati”, per sviluppare negli studenti la capacità di prendere decisioni coscienti riguardanti la propria salute, attraverso l’analisi delle proprie abitudini alimentari e del loro rapporto con il cibo. Agli studenti dei tre Istituti, impegnati in primo piano per realizzare progetti belli e fantasiosi, verrà dunque offerto un soggiorno di 3 giorni nel bellissimo scenario dell’altopiano di Asiago, per visitare l’Osservatorio astronomico dove è conservato il famoso cannocchiale di Galileo e conoscere i luoghi famosi per le battaglie combattute durante la I guerra mondiale, passeggiare lungo le malghe alpine e gustare, ovviamente, i prodotti delle aziende di agricoltura biologica locali. Alle classi degli altri sette istituti che hanno partecipato al concorso con buoni risultati, verranno invece consegnate le t-shirt personalizzate “BioAlimenta il domani” e un kit di prodotti Rigoni di Asiago.
“La massiccia adesione al concorso – afferma Vanessa Pallucchi, responsabile del settore scuola di Legambiente – rappresenta un’ulteriore conferma di quanto crescente sia l’interesse dei cittadini ai problemi concreti che riguardano la salute, il cibo e la sostenibilità dell’ambiente. Che il biologico sia strettamente legato a questi temi è infatti ormai assodato: nei prodotti biologici molti consumatori riconoscono alimenti sicuri e salubri, grazie all’assenza di residui chimici e alle caratteristiche tipiche di genuinità e stagionalità”. E proprio alla rilevanza del biologico come valore per il domani, è connesso il tema promosso per la terza edizione di “BioAlimenta il domani” per l’anno scolastico 2009/2010, “Un futuro di coltura dedicata all’ambiente”, che mette gli studenti a confronto con una visione globale e sociale legata all’agricoltura, all’ambiente e all’equità sociale rispetto alla distribuzione delle risorse alimentari. Agli insegnati viene offerto un percorso educativo utile per affrontare temi quali le nuove frontiere della coltura agricola nello scenario dei cambiamenti climatici, la legislazione italiana ed internazionale sul tema del biologico, la distribuzione delle risorse alimentari. Tra le classi che aderiranno entro il 31 dicembre, “BioAlimenta il domani” premierà la realizzazione dei migliori orti scolastici.
“I lavori premiati sono davvero eccellenti – commenta Andrea Rigoni, amministratore delegato della Rigoni di Asiago -, ma tutti i progetti presentati erano di qualità, a dimostrazione della sensibilità crescente che il tema del biologico cattura. E’ importante, inoltre, che questa sensibilizzazione arrivi dai più giovani, perché il cambiamento passa inevitabilmente dalle loro teste. Il pianeta così non ha futuro. Bisogna rivedere il nostro rapporto con la vita quotidiana e, soprattutto, bisogna tutelare l’ambiente che ci circonda. Un passo importante di questo cambio generazione passa dall’agricoltura biologica, che significa salvaguardare la natura e la nostra salute, attraverso una’alimentazione corretta. I tre istituti premiati avranno la fortuna di venire da noi ad Asiago. Vedranno cos’è un ambiente naturale a dimensione di uomo. Capiranno che il loro futuro sarà assicurato solo se paradisi naturali come quelli dell’Altopiano di Asiago verranno preservati. E se l’agricoltura biologica prenderà sempre più piede”.

Vincono il soggiorno-studio ad Asiago:
la classe 3A dell’Istituto Comprensivo A. Moro di Campagna Lupia (VE)
le classi 2A, 2C e 3C dell’Istituto comprensivo B. Lorenzi di Fumane (VR)
le classi 3E, 2F e 3H dell’ Istituto Comprensivo A. Bonsignore di Licata (AG)

Vincono una t-shirt e un kit Rigoni di Asiago:
la classe 2B della Scuola secondaria di primo grado A. Giuriolo di Arzignano (VI)
le classi 2B e 3B delll’Istituto Comprensivo A. Vanvitelli di Airola (BN)
le classi 4C e 4C delll’Istituto Comprensivo N° 3 di Messina,
le classi 3A, 3B e 3C dell’Istituto Comprensivo di Crespano del Grappa (TV)
tre classi 3° della Scuola media B. Alfieri – Sez. Associata Pancalieri di Carignano (TO)
la classe 3D della Scuola secondaria di primo grado N. Festa di Matera
le classi 2A, 2B, 3B e 3A dell’Istituto Comprensivo S. Satta di Orgosolo (NU).