Perché usare meno sale in cucina fa bene al cuore

Un nuovo studio conferma l’esistenza di prove sostanziali che collegano un’elevata assunzione di sodio all’ipertensione, un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari

Ridurre il consumo di sale nell’alimentazione è associato a un rischio più basso di sviluppare malattie cardiache, insufficienze cardiache e cardiopatia ischemica. Lo conferma uno studio, pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, condotto dagli scienziati della School of Public Health and Tropical Medicine presso la Tulane University di New Orleans.

Il team, guidato da Lu Qi, ha valutato gli effetti correlati a una riduzione nell’uso e nel consumo di sale. Gli scienziati hanno valutato una coorte di 176.570 persone, le cui informazioni erano registrate presso la Biobanca britannica.

I ricercatori hanno utilizzato un questionario per raccogliere dati sulla frequenza di aggiunta di sale agli alimenti, senza considerare il sodio usato nella preparazione dei pasti. Esistono prove sostanziali che collegano un’elevata assunzione di sodio all’ipertensione, un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Tuttavia, riportano gli esperti, le ricerche epidemiologiche che indagano su questo legame finora hanno prodotto risultati contrastanti a causa della carenza di metodi pratici per valutare l’assunzione di sodio alimentare a lungo termine. Tra coloro che seguono una Dietary Approaches to Stop Hypertension (dieta DASH), diminuire l’uso di sale potrebbe portare a un ulteriore beneficio per la salute del cuore.

“Nel complesso – commenta Qi – abbiamo scoperto che chi non aggiunge spesso sale ai cibi è associato a un rischio molto più basso di eventi e malattie cardiache, indipendentemente dai fattori dello stile di vita e dalle malattie preesistenti. La combinazione di dieta DASH e bassa frequenza di aggiunta di sale, inoltre, sembra contribuire a migliorare ulteriormente le condizioni di salute delle persone a rischio di problemi cardiovascolari”.

I partecipanti che tendevano ad aggiungere il sale agli alimenti con una frequenza inferiore erano principalmente donne, con un indice di massa corporea inferiore, con un consumo moderato di alcol e piu’ attive fisicamente. Questi soggetti avevano anche maggiori probabilità di aderire a una dieta in stile DASH e consumavano più frutta, verdura, noci e legumi, cereali integrali, bevande dietetiche a basso contenuto di grassi .

“Questi risultati sono molto incoraggianti – commenta in un editoriale correlato Sara Ghoneim, dell’Università del Nebraska – perché l’aggiunta di sale a tavola è un comportamento facilmente modificabile (basta aggiungerlo solo alla fine delle preparazioni e in quantità ridotta). Speriamo che questi risultati possano incoraggiare le persone a ridurre il consumo di sodio, promuovendo la propria salute cardiovascolare”.