In Sicilia si terrà a maggio, la ''Tomato Conference''

A Berlino, in occasione di Fruit Logistica, la fiera annuale del marketing ortofrutticolo, è stata presentata la quarta edizione di "Tomato Conference", l'appuntamento europeo dedicato al pomodoro.
La Tomato Conference 2005 sarà incentrata sul rapporto col territorio, la Sicilia, e la gastronomia, intesa come abbinamento delle giuste varietà di pomodoro ai diversi piatti.
Si tratta di un "meeting" internazionale aperto al mondo della cucina e concepito come “palestra del gusto”, per rilanciare con una strategia innovativa il mercato del pomodoro.
E’ questa la ragione sulla quale è stata incentrata la prossima Tomato Conference, in programma dal 24 al 27 maggio presso il villaggio Baia Samuele di Scicli, in provincia di Ragusa.
Date e "location" dell'edizione 2005 di questo appuntamento biennale dedicato al pomodoro da mensa sono state ufficializzate a Berlino dalla stessa società organizzatrice, Syngenta Seeds, in occasione di Fruit Logistica.
L’approccio col quale è stata concepita l’iniziativa si annuncia originale sotto diversi aspetti.
Il mondo della gastronomia entrerà a pieno titolo tra i temi in discussione.
L’esigenza di creare valore lungo tutta la filiera, ha suggerito infatti agli organizzatori di focalizzare il programma sull’impiego del pomodoro in cucina.
In altri termini, attraverso momenti di degustazione e workshop sulle peculiarità organolettiche delle singole varietà di pomodoro, gli operatori del settore potranno confrontarsi con delegati della ristorazione, dell’“ho.re.ca.”, del catering e, non ultimi, della distribuzione alimentare.
Lo scopo comune, sarà appunto quello di individuare nuove opportunità di business per il pomodoro, che tutt’oggi rimane l’ingrediente principe della dieta mediterranea ed è l’ortaggio più venduto in Italia e in Europa in termini di valore.
Non è casuale anche il luogo scelto per la Tomato Conference 2005.
La Sicilia, con i suoi 8.000 ettari di superficie coltivati a pomodoro, rappresenta infatti non solo la maggiore realtà italiana in questo settore, ma anche la zona più ricca dal punto di vista varietale.
Indagini sugli usi e le attitudini dei consumatori europei, suggerimenti sul display di vendita del prodotto e presentazione di nuove varietà, saranno poi gli altri temi che andranno a completare il calendario dei lavori del convegno, unitamente all’attenzione che sarà prestata a varietà ormai tradizionali, quali Marmande, Cuore di Bue e Cherry.
La conferenza vera e propria si svolgerà giovedì 26 maggio, anticipata il giorno precedente da un viaggio tra i sapori tradizionali della zona di Siracusa.
Il giorno successivo, venerdì 27, si effettueranno visite guidate ai mercati di Pachino e Vittoria dove si potrà ammirare un mondo di colori e di prodotti, tra i quali naturalmente il "rosso" fuoco dei pomidoro che rendono grande e preziosa la Sicilia per i suoi prodotti naturali.