Il Grignolino del Monferrato casalese compie trent’anni

Fra le enoteche regionali del Piemonte, quella di Vignale in provincia di Alessandria viene anche definita l’”Enoteca del Grignolino” poiché i terreni migliori sono dedicati soprattutto a questo vitigno; per questa ragione il Consiglio d’Amministrazione dell’Ente vorrebbe istituire nella propria sede una “Casa del Grignolino” e radunare oltre al pregiato vino casalese, anche quello astigiano e tutti gli altri Grignolini del Piemonte.
I festeggiamenti per i trent’anni si terranno nei giorni 16 e 17 ottobre ed in contemporanea vi saranno altri event: assaggi sia dei vari Grignolini, sia degli altri vini del Monferrato Casalese, convegni sul vino protagonista e laboratori del gusto curati dalla Condotta Slow Food casalese. Non potranno mancare, naturalmente in abbinamento al vino, i prodotti agroalimentari di maggior pregio piemontesi ed italiani.
La sede dell’Enoteca di Vignale, è attualmente oggetto di un’opera di ristrutturazione che fa parte dei progetti di crescita di questo importante Ente di rappresentanza regionale per proporsi al pubblico in una veste completamente rinnovata.
Il Grignolino è un vitigno a frutto rosso diffuso fin dal '700 in Piemonte dal quale attualmente vengono ricavati due vini D.O.C., il Grignolino del Monferrato Casalese, prodotto nei terreni collinari del Monferrato, ed il Grignolino d'Asti, prodotto nella zona collinare che circonda la citta' di Asti. Si tratta di vini di non grande struttura, da bersi nei primi due-tre anni successivi alla vendemmia, freschi e piacevoli, dal sapore asciutto, leggermente tannico, amarognolo con retrogusto caratteristico. Vanno serviti alla temperatura di 15-17°C. (ma in estate anche più freschi) abbinandoli ad antipasti, minestre in brodo od asciutte, torte di verdura, carni bianche in umido e fricassee di carne.

Pietro Tibaldeschi