I governi dell'UE invitati a dare priorità ai trattamenti antitumorali

Mettete l'accesso a trattamenti antitumorali di qualità al primo posto dell'agenda Sanità della vostra presidenza nel 2005; ecco l'appello che specialisti e rappresentanti dei malati di cancro hanno rivolto nel workshop del 7 ottobre ai governi britannico e lussemburghese.
Il workshop 'Trattamento dei tumori: una priorità per i pazienti in Europa', ha riunito esperti del settore medico, organizzazioni europee di pazienti e i principali decisori politici europei e nazionali.
Come è stato sottolineato, anche se i tumori rappresentano la seconda causa più importante di morte nell'UE, i pazienti spesso mancano di adeguate possibilità di accesso alle cure.
"Non tutti si rendono conto dei grandi progressi conseguiti in questi ultimi anni nei trattamenti antitumorali. Perché? Perché non tutti hanno accesso ai più recenti ritrovati.
Mettere a disposizione le cure necessarie è una decisione tanto politica quanto medica, e con un malato ogni tre abitanti è nell'interesse di tutti mettere la gestione dei tumori al primo posto nella lista delle priorità", ha detto il professor John Smyth, presidente designato della FECS (Federation of European Cancer Societies).
Secondo Smyth, l'Europa offre opportunità uniche per trasformare le scoperte scientifiche in migliore gestione dei tumori, ma deve urgentemente risolvere il problema del ruolo del mondo accademico e dell'industria nelle procedure e della quantità di impacci burocratici associati alla ricerca clinica.
"Un maggior numero di cittadini europei potrebbe sopravvivere al cancro se la comunità e i politici dessero un più ampio sostegno allo sviluppo delle infrastrutture sanitarie e fornissero i fondi necessari a rendere disponibili senza restrizioni i trattamenti di provata efficacia", ha aggiunto.
Parlando a nome dell'organizzazione britannica CancerBACUP, Catriona Moore ha spiegato che nel Regno Unito esistono grandi differenze nell'accesso alle cure antitumorali e ha deplorato il fatto che "non esiste un meccanismo per garantire che gli orientamenti nazionali sui trattamenti antitumorali vengano applicati a livello locale".
"I governi europei debbono porre il problema al primo posto delle loro agende politiche, per fare in modo che ai pazienti venga offerta la migliore scelta di trattamenti disponibili per la loro malattia e che i fondi passino alla cura del cancro", ha aggiunto.
La risoluzione sul cancro alla mammella, adottata nel giugno 2003 dal Parlamento europeo, è stata indicata come esempio perfetto del modo in cui pazienti e dottori possano preparare un'agenda e farla prendere in considerazione a livello europeo.
Fonte:
CORDIS RST-NOTIZIARIO
© Comunità europee