Efficace l'allarme rapido "Rapid alert" europeo

Il numero di allarmi riferiti agli alimenti e "non alimenti", gestito dall'Unione Europea con il sistema "Rapid Alert" è aumentato di oltre il 40% nel 2003, rispetto agli anni precedenti.
Un rapporto dal sistema di allarme veloce dell'Europa circa gli alimenti e l'alimentazione (RASFF) rivela il numero 'di scambi di informazioni – composti da notifiche attente e da notifiche delle informazioni è aumentato dai 3.024 del 2002 ai 4.286 del 2003.
Dalle statistiche risulta che il 65% degli allarmi proviene dai 15 Paesi già membri dell'UE, mentre per ora solo il 4% origina dai dieci nuovi Paesi entrati nell'Unione..
Il sistema Rapid Alert (RASFF) fornisce alle singole autorità nazionali un valido scambio di informazioni sulle misure nazionali approntate per far scattare il piano d'emergenza in riferimento alla sicurezza alimentare e quindi sulla tutela della salute dei consumatori.
Alimenti che possono venire rapidamente ritirati dal mercato.
Gli allarmi richiedono l'azione immediata dovuta al rischio di contaminazione del cibo del consumatore, mentre con le notifiche il prodotto alimentare è bloccato prim'ancora di raggiungere altri mercati europei.
Il rapporto annuale 2003 di RASFF riporta un totale di 454 notifiche e di 1856 notifiche informative.
Con il 95% di notifiche, le aflatossine hanno superato le contaminazioni da micotossina nel 2003.
Le salmonelle hanno avuto una percentuale del 46% fra le contaminazioni microbiologiche, mentre il colore illegale Sudan 1, addizionati a diversi prodotti alimentari ed in particolare all'olio di palma ha avuto il 29% fra le contaminazioni chimiche negli alimenti.
I creatori dell'alimento che funzionano nell'odierno clima non hanno scelta ma effettuare gli attrezzi rigorosi di sicurezza dell'alimento, da macchinario a formazione del personale, nei loro costi quotidiani.
La qualità dei prodotti alimentari ed i problemi di sicurezza, con questo sistema d'allarme messo a punto dagli organismi dell'UE permetterà sempre più di evidenziare i procedimenti illegali nell'ambito della frode alimentare e mel contempo a garantire la sicurezza degli degli alimenti posti in commercio.
"Rapid Alert non alimenti":
Oggetti pericolosi

Fonte: Foodnavigator