E se anche in Italia si lavorasse quattro giorni su sette?

Il Belgio potrebbe presto passare a una settimana lavorativa di quattro giorni, con un possibile annuncio già questo fine settimana, ha confermato un portavoce del governo.

Giovedì, 7 Ottobre 2021 un portavoce del ministro belga dell’economia e del lavoro, Pierre-Yves Dermagne, ha dichiarato t che le proposte sono “attualmente in discussione all’interno del governo federale belga” come parte di un più ampio programma di riforme del mercato del lavoro. “Domenica o lunedì prossimi dovrebbe essere fornita maggiore chiarezza sulla proposta”, hanno affermato.

Il Ministro Dermagne considera la settimana lavorativa di quattro giorni una “questione fondamentale” dopo che la pandemia di COVID-19 ha innescato importanti cambiamenti nelle situazioni lavorative di molte persone, ha affermato il portavoce.

Le persone continuerebbero a lavorare lo stesso numero di ore settimanali secondo le proposte in discussione, hanno affermato.

Secondo Dermagne, la nuova legislazione che disciplina una settimana di quattro giorni deve contenere anche disposizioni per una legge sul “diritto alla disconnessione”, nonché norme sulla registrazione dell’orario di lavoro, ha affermato il portavoce.

Settimana di quattro giorni nel 2022?


Una volta impegnato nella proposta, il governo federale del Belgio elaborerà i dettagli del passaggio a una settimana di quattro giorni in collaborazione con i rappresentanti dell’industria e dei sindacati.

Si tratta solo di ore compresse, quindi non strettamente una settimana lavorativa più corta

Questo processo potrebbe richiedere almeno sei mesi, ha stimato il portavoce, prima che possa iniziare il processo politico di approvazione della proposta in legge.

Il governo “non ha intenzione” di rendere obbligatoria una settimana di quattro giorni, hanno affermato.

Nei giorni scorsi l’agenzia in lingua fiamminga VTM Nieuws ha riferito che il governo di coalizione a sette partiti del Belgio stava considerando una proposta che vedrebbe l’attuale settimana lavorativa di 38-40 ore condensata in quattro giorni lavorativi più lunghi.

Quali paesi in Europa stanno cercando di rendere il lavoro a distanza un diritto legale post-COVID?


Will Stronge, direttore del think tank britannico Autonomy che sostiene una settimana lavorativa più corta, ha affermato che la riduzione del numero totale di ore lavorate è stata la chiave per sbloccare i benefici per la salute dei lavoratori.

“Si tratta solo di ore compresse, quindi non strettamente una settimana lavorativa più corta. I lavoratori probabilmente non otterranno quasi gli stessi benefici per la salute e il benessere comprimendo piuttosto che riducendo”, ha affermato.

“Ciò significherà anche che eventuali aumenti di produttività saranno minimi, poiché i lavoratori saranno altrettanto stanchi, se non di più”.

Arresto cardiaco: gli attacchi di cuore in Finlandia sono diminuiti di un terzo. Il motivo era il telelavoro?
Prenderesti una riduzione dello stipendio per lavorare da remoto? Per i dipendenti di Google, potrebbe essere la nuova normalità.

“In linea di principio pensiamo che sarebbe positivo per la libertà dei dipendenti, ma ovviamente deve essere una loro scelta”, ha detto a VTM Meyrem Almaci, presidente del partito dei Verdi fiamminghi della coalizione di governo.

“Si tratta di come lui o lei organizza la sua vita. Deve adattarsi alla vita delle persone”, ha detto.

In Islanda un “successo travolgente”

L’Islanda ha sperimentato una settimana lavorativa di quattro giorni ed è stato un “successo travolgente”

I ricercatori hanno scoperto che le prove della settimana lavorativa più corta in Islanda nel 2017 e nel 2015 hanno lasciato i lavoratori meno stressati e hanno ridotto il rischio di esaurimento, senza effetti negativi sulla produttività o sulla fornitura di servizi.


Uno studio del 2021 sulle prove condotto dall’Associazione islandese per la democrazia sostenibile (Alda) e l’autonomia ha rilevato che i lavoratori partecipanti hanno riportato un “potente effetto positivo sull’equilibrio tra lavoro e vita privata”. Questi includevano avere più tempo da trascorrere con i propri figli o dedicarsi agli hobby. Non ultimo, gli uomini nelle relazioni eterosessuali avevano anche maggiori probabilità di svolgere le faccende domestiche, hanno scoperto i ricercatori.