Da Foligno un invito al dialogo sulla pasta

Il "Festival dei primi d'Italia" si candida a luogo di confronto.

"Il primo piatto è per tutti. Venite a Foligno". Questo l'invito de I Primi d'Italia, la manifestazione nazionale dedicata ai primi piatti che si svolge da oggi a domenica 29 settembre nel centro storico folignate.

Un invito diretto aperto a tutti in seguito alla polemica suscitata dalle dichiarazioni di Guido Barilla, presidente dell'omonima azienda, sulla pasta e il mondo gay.

La manifestazione di Foligno, che in quattro giorni concentra in 26 location del centro storico 16 villaggi del gusto, oltre 80 chef chiamati a elaborare con le loro 500 ricette 16 mila chili di pasta, 2 mila chili di riso, 2 mila e 600 chili di polenta, 3 mila e 500 chili di zuppe non ha dubbi: il primo piatto deve poter essere consumato da tutti e "per questo motivo – spiega Roberto Prosperi, presidente di Epta Confcommercio ente che organizza da XV anni questo festival – invitiamo sia la dirigenza di Barilla che le Associazioni e i cittadini che si sono schierati contro il marchio storico a venire a Foligno sabato 28 settembre per creare insieme a noi un tavolo di dibattito sull'argomento. In momenti di grandi difficoltà per il sistema Italia – continua Prosperi – come quelli di oggi, pur rispettando i diritti di tutti, penso che si possano ottenere dei risultati concreti più con il dialogo che con il boicottaggio poiché dietro un marchio storico come quello di Barilla migliaia di persone hanno costruito il loro progetto di vita".

Per maggiori informazioni sul festival: www.iprimiditalia.it