Conclusa a Pisa la 4° edizione del Concorso gastronomico toscano sul pesce azzurro

Sono stati Valeria Piccini Chef stellato, patron del ristorante Caino di Montemerano e Fausto Arrighi, direttore generale della Guida Rossa Michelin Italia, a chiudere in bellezza la 4ª edizione del noto concorso gastronomico toscano dedicato alla valorizzazione del pesce azzurro e del pesce dimenticato, che si è concluso il 20 febbraio a Pisa presso le nuovissime strutture dell’Hotel San Raineri, ideato alcuni anni fa dal giornalista enogastronomo Claudio Mollo e dagli chef professionisti Maurizio Marsili e Marcello Zaccaria.
Una kermesse del gusto che quest’anno, oltre ai professionisti ha coinvolto anche 6 Istituti Alberghieri regionali.
Numerosa la partecipazione di chef di locali, in prevalenza del litorale toscano, che hanno proposto ricette di ottimo valore tecnico-creativo, con l’importante parametro di valutazione, del “sapore nel piatto”, punto fermo di una cucina schietta e indiscutibilmente legata al territorio.
Il vincitore dell’edizione 2008 è stato lo chef Jonhatan Rossi del ristorante “Il Meglio di Jo”, di Viareggio, che si è esibito con “Sfumature di Palamita”, una elaborazione dedicata ad un classico del pescato della costa, realizzando con il pesce scelto, varianti di grande interesse.
Tra gli otto partecipanti, selezionati dopo una prima scrematura fra le ricette pervenute, oltre al primo classificato, figuravano gli chef: Massimo Bresciani del ristorante Twuiga di Forte dei Marmi, Fabrizio Girasoli del ristorante Butterfly di Marlia-Lucca, recentissima nuova Stella Michelin, Mauro Bazzichi del ristorante Bagatelle di Cecina Mare-Livorno, Deborah Corsi del ristorante La Perla di San Vincenzo-Livorno, Massimiliano Ratti del ristorante Squisitia di Pisa, Claudio Rovai del ristorante Accasatua di Lammari-Lucca e Ennio Galli del ristorante La Vecchia Cascina di Pisa.
Per la scelta dei vincitori fra i professionisti e fra le scuole alberghiere sono state istituite due commissioni distinte, giornalsti per gli chef e ristoratori per gli alunni delle scuole che si sono riunite per le finali dei 12 e 13 febbraio, sempre a Pisa. In questa ultima edizione, come novità, sono stati inseriti anche due giudici popolari, uno per ciascuna commissione.
Interessanti proposte sono arrivate anche dagli elaborati delle scuole alberghiere di: Marina di Massa, Montecatini, Castelfiorentino, Viareggio, Pisa e Barga, che si sono confrontate con i primi dedicati al pesce azzurro e la pasta italiana e con secondi ispirati alla cucina regionale italiana e all’aceto balsamico. Anche in questo caso proposte creative e sfiziose, soprattutto per i secondi.
Per gli alunni, il premio per il tema della pasta è andato a Moranti Alessio, dell’Istituto Alberghiero di Montecatini, con il piatto: Spaghetto mantecato con pomodorini, alici e finocchietto”, mentre il premio per il tema dedicato all’aceto balsamico è stato assegnato a Stefano Fulceri dell’Istituto Alberghiero Matteotti di Pisa con il piatto “Millefoglie con triglie alla livornese e aceto balsamico”.
Per l’aceto balsamico, era presente la storica Abetaia Dodi di Reggio Emilia, presente con la mitica figura del titolare, Ricordano Dodi.
Il supporto enologico e i vini proposti in abbinamento per la serata sono stati quelli di un altro noto produttore nazionale, come la famiglia Bava di Coccolato-Asti, che con la loro ampia gamma di prodotti hanno avuto gioco facile nell’abbinamento con il menù della serata orchestrato da Maurizio Marsili e dal suo staff.
Altri sponsor dell’evento sono stati: l’Electrolux di Pordenone; l’Azienda Agricola Bardelli Giuliana, produttrice di un pregiato extravergine toscano IGP, nella bellissima zona di Larciano, poco sopra Montecatini; la Barilla Food Service che ha fornito le tipologie di pasta per le scuole alberghiere; le Ceramiche Artistiche Bartoloni di Montelupo Fiorentino, autore dei piatti in ceramica personalizzati con il logo dell’evento, andati in premio ai partecipanti; la storica bottega artigana di Alabastri Rossi, di Volterra; l’organizzazione dedita al training e formazione alberghiera Cipas, di Stresa, che ha gentilmente messo a disposizione due importanti stage sul Food & Beverage andati in omaggio al primo classificato degli chef e su scelta degli organizzatori per premiare l’impegno e la passione nel promuovere la ristorazione di pregio, all’unica donna partecipante al Concorso Deborah Corsi, promettente chef di San Vincenzo in provincia di Livorno e per finire, allo stesso Hotel San Ranieri, che ha messo completamente a disposizione per l’evento le sue nuove strutture e la sua calorosa accoglienza.
Partner dell’evento la FISAR Federazione Sommelier Albergatori e Ristoratori di Pisa che ha affiancato in modo decisamente professionale, la parte enologica dell’evento.
Azzurro in Cucina era patrocinato, dall’ASA Associazione Stampa Agroalimentare Nazionale, dal Comune di Pisa, dall’Associazione Nazionale Città del Pesce di Mare e dal Pesce Dimenticato.

Claudio Mollo