A Toronto, ''cioccolata e Olimpiadi della neve''

Successo di pubblico e di immagine per la città di Torino e la sua provincia
e per la Regione Piemonte in Canada e precisamente a Toronto, dove si è conclusa la "Canada National
Exhibition", una fiera internazionale campionaria tra le più grandi del
mondo, con oltre 700 espositori in rappresentanza di tutti i continenti
e un milione e mezzo di visitatori. Nell'ambito del progetto: "Sweet
Piemonte", la Città e la provincia di Torino e la Regione hanno
presentato al pubblico della più italiana tra le grandi metropoli
canadesi (in cui risiedono circa 500.000 italo-canadesi), i giochi
invernali di Torino e gli aspetti più curiosi di un'intensa campagna di
informazione turistica, offrendo prodotti dolciari, cioccolato, caffè,
"bicerin", aperitivi classici e nuovi come "Gianduiotto frosen".
Promuovere il Piemonte sui mercati esteri, proponendolo come meta
turistica, (da scoprire prima, durante e dopo le Olimpiadi della neve), ha
come scopo quello di far conoscere una sfaccettatura torinese tra le più importanti.
Sono questi gli obiettivi di "Sweet Piemonte", un progetto
finanziato da Regione Piemonte, Camera di Commercio di Torino, Città e
Provincia di Torino.
Ricordiamo ai lettori che il classico "bicerin" è una bevanda storica piemontese, nata all'inizio del 1800, grazie all'iniziativa di un
imprenditore, che nella piazza dove sorge il Santuario della Consolata,
aveva aperto un piccolo locale, dove si poteva gustare una bevanda calda a
base di cioccolato, servita in un piccolo bicchiere di vetro con relativo
manico, per evitare scottature.
"Il Bicerin" fa parte della storia
torinese, ed è legato allo sviluppo dell'industria dolciaria subalpina.

Alfredo Zavanone