Napoli, 8 Settembre ore 12:00 Gran Caffè Gambrinus

Sono intervenuti tra gli altri: Laura La Torre, Direttore Generale della Qualità Ministero delle Politiche Agricole, il Prof. Luca Meldolesi, Presidente Comitato Sommerso – Presidenza del Consiglio.

“Continueremo a stare vicino ai Consorzi che oggi si sono dati finalmente con l’Associazione italiana dei Consorzi indicazioni geografiche, uno strumento in più di coordinamento e verifica su come spendere bene i danari pubblici nazionali ed europei.
Si tratta di risorse importanti in grado di valorizzare la produzione nazionale di qualità di cui voi in Campania siete il fiore all’occhiello avendo capacità di rappresentare l’Italia nel mondo”.
Con queste parole Laura La Torre Direttore Generale Qualità del MIPAAF ha chiuso l’incontro promosso da Mediterraneating, il principale quotidiano elettronico dell’agro alimentare in Italia, che ha visto la presenza tra gli altri del professor Luca Meldolesi, Presidente del Comitato sull’Emersione Economica del Governo Italiano, massimo esponente della scuola internazionale sulla valutazione della spesa pubblica.
“Sono fiducioso nello sviluppo del Sud, perché emerge una mentalità nuova di camminare insieme tra imprese private e governance pubblica che può alimentare confronti virtuosi e che individua nello strumento consortile il giusto metodo per affrontare e vincere le sfide della competizione globale” ha affermato Meldolesi.

Il Brand Mediterraneating, grazie al successo riscontrato con le prime due edizioni del salone fieristico business to business ed ai consensi ottenuti dal suo quotidiano elettronico sull’agro alimentare, conferma l’impegno sulla promozione dei prodotti italiani di qualità e ai casi di eccellenza.
Questo incontro segue una serie di conferenze e roadshow negli Stati Uniti.
“In qualità di imprenditori innovatori – spiega il direttore responsabile della testata e giovane imprenditore Massimo Lucidi – abbiamo necessità di individuare con la Pubblica Amministrazione gli obiettivi di sviluppo per la collettività al fine di perseguirli ed incrementarli. Soltanto percorrendo questa strada, fatta di confronti tra casi diversi ed obiettivi condivisi, potrà nascere una collaborazione solida e continuativa tra imprese ed enti pubblici, a livello locale, nazionale ed europeo.
Il nostro modello sono le Public Private Partnership.
Nell’agro alimentare era giusto cominciare un ragionamento dal soggetto più qualificante e qualificato, il consorzio di produttori, che con coerenza è lo strumento giuridico che rafforza l’identità riconosciuta col marchio dop doc e docg”.

Nei mercati globalizzati ed iper competitivi un ruolo sempre più centrale e strategico è svolto dai consorzi di valorizzazione che di fatto sono i primi controllori e certificatori di qualità.
La necessità di apportare un significativo sostegno alla promozione da parte degli enti pubblici che possa essere innovativo e rendere competitivo l’approccio ai mercati stranieri è quanto riferito nelle testimonianze dei Presidenti dei Consorzi intervenuti: Oliviero della Mozzarella Dop e Bonfio dell’Olio di Siena Dop.
L’incontro ha visto la partecipazione di tutte le principali associazioni di categorie che hanno approfondito le tematiche legate ai modelli di comunicazione, realizzati per sostenere una corretta valorizzazione della “tipicità” si è distinto per la presenza dei “controllori del sistema di qualità”.
Giuseppe Fugaro, Direttore dell’Ispettorato Centrale Repressione Frodi e Franco Nicodemi Ispettore Responsabile Sicurezza dei Prodotti Agroalimentari del Corpo Forestale dello Stato convergevano sull’esigenza di “salvaguardare l’Ambiente dove si produce l’Alimentazione di qualità. Solo soggetti rispettosi dell’ambiente possono così automaticamente certificarsi con prodotti di qualità. Per la serie, che prevenire è meglio di reprimere. Specie se si parla di tavola e di salute dei cittadini”.
Rosario Lopa che ha avuto il merito di coordinare il tavolo degli invitati ha evidenziato proprio “il desiderio degli operatori economici della Campania di raccordarsi sempre più a logiche di associazionismo e consortili in un quadro di confronto alla pari con le istituzioni locali e nazionali”. Erano infatti presenti tutti i principali protagonisti della tavola in Campania da Antonio Pace e Sergio Miccu Presidenti delle due maggiori Associazioni Pizzaioli, Pasquale Imperato, Presidente Coldiretti Napoli, Giuseppe Di Martino Presidente dei Pastai Gragnanesi, Libero Spiezia del Salame di Napoli, Giosuè De Simone Presidente del Consorzio del Provolone del Monaco dop, Roberto Palladino, Associazione dei Pasticcieri Napoletani, Mariano Vinaccia, Presidente del Consorzio Limoni di Sorrento, Pasquale Calviati, Consorzio Ortofrutticoli, Marcello De Simone Direttore Coldiretti Napoli, Zaccaria Cesare Augusto in rappresentanza degli Agronomi, Michele Farro Presidente del Consorzio Vini dei Campi Flegrei.

Comunicato stampa Soluzioni srl