I carabinieri a caccia del batterio della Listeria, blitz in oltre mille strutture

I Nas sequestrano quattordici tonnellate di alimenti irregolari. Violate le norme igieniche in un caso su tre

Quattordici tonnellate di alimenti irregolari sequestrati (per un valore commerciale di circa 327.000 euro), irregolarità accertate in 335 strutture (pari al 30% circa degli obiettivi controllati), 23 imprese (valore economico oltre 7 milioni di euro) chiuse o sospese, 310 operatori denunciati, 541 violazioni penali e amministrative contestate per un valore di oltre 365 mila euro.

È il bilancio della campagna di controlli condotti in tutta Italia dai carabinieri del Nas, su input del ministero della Salute, seguito dei recenti episodi di intossicazione da Listeria connessi con il consumo di alimenti crudi o a ridotta cottura (ad esempio, wurstel).

Tra le criticità riscontrate, “l’uso di materie prime scadute di validità e in cattivo stato di conservazione e, con particolare frequenza, la mancata applicazione delle procedure preventive di autocontrollo e tracciabilità degli alimenti, elementi essenziali per individuare e contenere possibili casi di intossicazione causati dal consumo di alimenti nocivi o pericolosi”.

Sono state ispezionate 1.095 aziende di lavorazione e trasformazione di alimenti maggiormente esposti alla contaminazione da batterio Listeria (wurstel, insaccati con stagionatura breve e prodotti similari), di prodotti caseari a limitata maturazione e di gastronomia con farcitura fresca (tramezzini, panini), confezionati in atmosfera controllata per la fornitura alla Grande distribuzione organizzata e alle ditte di gestione dei distributori automatici.

In particolare, i Carabinieri del Nas di Palermo hanno rilevato un campione di formaggio fresco contenente valori elevati di Listeria, disponendo il fermo preventivo di 945 kg di prodotti caseari e la sospensione dell’attività.

Individuati anche due laboratori di analisi privati non autorizzati, presso i quali venivano redatti referti attestanti parametri analitici e microbiologici non veritieri in quanto basati su analisi di fatto mai eseguite. Nel corso dell’ispezione ad un’industria di salumi della provincia di Modena, il Nas di Parma ha sequestrato 7.000 kg di semilavorati e tranci di carne suina e bovina, trovati invasi da ghiaccio e brina gelificata a causa del malfunzionamento del sistema di refrigerazione; rilevate anche carenze igienico sanitarie dovute alla presenza di muffe sulle pareti dei locali destinati allo scarico merci.

A Bari, durante il controllo di un’industria di lavorazione carni, sono stati sequestrati 1.800 kg di prodotti a base suina e bovina, privi di etichettatura e di indicazioni utili a garantirne la tracciabilità. In due caseifici di Salerno e Catania il sequestro ha riguardato complessivamente 3.700 kg di prodotti sprovvisti di documentazione attestante la rintracciabilità.

Il Nas di Genova ha chiuso un laboratorio di preparazione gastronomica della provincia di Savona, aperto in assenza di autorizzazione sanitaria, privo del manuale di autocontrollo ed interessato da gravi carenze igienico sanitarie.

A Ragusa chiuso un salumificio per precarie condizioni igieniche e per la mancata attuazione delle procedure di autocontrollo e sequestrati 529 kg salumi già confezionati, in parte sprovvisti di elementi utili alla tracciabilità ed in parte scaduti.

I Carabinieri del Nas di Napoli hanno sospeso un’attività di sezionamento e commercio all’ingrosso di carni avicole della provincia partenopea, con immediata chiusura dell’intero impianto sprovvisto del “bollo CE” e di riconoscimento produttivo.

Fonte: Agi.it

Cos’è la listeria

L’infezione da listeria, anche detta listeriosi, è causata da Listeria monocytogenes. Questo batterio si trova comunemente nel terreno e nell’acqua e può quindi facilmente contaminare ortaggi e verdure. Molti animali possono venire infettati dal batterio senza dimostrare sintomi apparenti.

Che cos’è l’infezione da listeria?
Il batterio Listeria monocytogenes si può rilevare in un’ampia varietà di cibi crudi, come carni non ben cotte e verdure crude, prodotti lattiero-caseari preparati con latte non pastorizzato. Come per la maggior parte dei batteri, questo non sopravvive a processi di pastorizzazione e cottura.

L’infezione può manifestarsi sotto due forme principali:

la gastroenterite; si manifesta dopo un tempo breve dall’ingestione di cibo contaminato; l’incubazione media è di 24 ore;
la forma invasiva, detta anche “sistemica“, si può manifestare come meningite, meningoencefalite e sepsi. In questo secondo caso tra l’ingestione del cibo contaminato e la manifestazione dei sintomi trascorrono in media una decina di giorni fino ad arrivare anche ad un mese. I soggetti più a rischio sono le persone con compromissione del sistema immunitario: come i pazienti oncologici, i pazienti diabetici, i pazienti con infezione da HIV, le persone anziane e i neonati. Particolarmente a rischio risultano le donne in gravidanza: l’infezione da Listeria può infatti causare aborto spontaneo, parto prematuro, morte in utero o infezione del feto.

Quali sono le cause dell’infezione da listeria?

La causa dell’infezione da listeria è la contaminazione dei cibi ingeriti con il batterio.

Quali sono i sintomi dell’infezione da listeria?

I sintomi dell’infezione da listeria sono generalmente simili a quelli di altre gastroenteriti infettive:

febbre;
nausea;
diarrea;
dolori muscolari.
Cefalea, confusione, irrigidimento del collo oltre alla presenza della febbre sono invece i sintomi della listeriosi quando si diffonde al sistema nervoso.

Come prevenire l’infezione da listeria?

La prevenzione è fondamentale per non correre il rischio di contrarre l’infezione da listeria. Di basilare importanza è l’applicazione delle norme di igiene per la prevenzione di tutte le infezioni secondarie all’ingestione di cibi contaminati:

Cottura completa dei cibi;
Lavare con attenzione le verdure prima di consumarle;
Separare le carni crude dalle verdure e dai cibi cotti e pronti al consumo;
Consumare prodotti lattiero-caseari pastorizzati ed evitare di mangiare formaggi se non si ha la certezza che siano prodotti con latte pastorizzato;
Lavare scrupolosamente le mani e gli utensili da cucina dopo aver maneggiato alimenti crudi;
Consumare in tempi brevi alimenti deperibili.
Diagnosi
La diagnosi di listeriosi (forme invasive) può essere effettuata tramite:

Isolamento del batterio da emocoltura (coltura del sangue)
Isolamento del batterio dal liquido cerebrospinale (esame colturale)
Trattamenti
Dal momento che si tratta di un’infezione di origine batterica, il trattamento della listeriosi si basa sulla somministrazione di una terapia antibiotica specifica (sia per gli adulti che per i bambini).
La cura antibiotica somministrata precocemente a donne incinte può prevenire la trasmissione della malattia al feto.

Humanitas.it