Accordo sul vino tra Ue e Stati Uniti

Dopo vent'anni di negoziati, Europa e Stati Uniti sono arrivati finalmente a brindare ad un accordo bilaterale sul vino.
Washington riconoscerà 17 denominazioni di origine europea, come Chianti, Champagne e Sherry. Fino ad ora li aveva qualificati come vini "semigenerici".
Un passo avanti per i produttori europei, che vedono negli Stati Uniti il loro più importante mercato estero: rappresenta infatti il 40 per cento del totale delle esportazioni, oltre 2 miliardi di euro all'anno.
Da parte sua Bruxelles accetterà le pratiche enologiche statunitensi che non rientrano nelle eccezioni riconosciute dall'Unione. Anche se si riserva il diritto di un'ulteriore valutazione.
Questa intesa, firmata a Londra sulla base di un accordo raggiunto a dicembre, dovrebbe essere seguita da nuovi negoziati già fra tre mesi.

Euronews