Allo studio pomodori biofortificati contenenti vitamina D

Gli scienziati trasformano i pomodori in una ricca fonte di vitamina D. Eliminare un gene aumenta i livelli di un precursore del nutriente essenziale

I pomodori diventano più maturi e più gustosi sotto il sole estivo. Due studi ora mostrano che con un piccolo aiuto dall’editing genetico, i pomodori maturati al sole possono anche accumulare una molecola precursore della vitamina D, un nutriente vitale che si trova normalmente principalmente nei prodotti animali.”Questo potrebbe essere un punto di svolta” nelle nazioni in cui la carenza di vitamina D è un problema, afferma Esther van der Knaap, genetista vegetale presso l’Università della Georgia, ad Atene. Le piante biofortificate potrebbero anche aiutare i vegani a ottenere abbastanza nutrienti. La scoperta “apre una nuova era molto interessante per la vitamina D”, afferma la scienziata nutrizionista Susan Lanham-New dell’Università del Surrey.

La vitamina D aiuta a regolare il modo in cui il corpo utilizza il calcio, ad esempio, portando a ossa più forti. E ci sono alcune prove che bassi livelli sono collegati a un rischio maggiore di malattie cardiovascolari e altri problemi di salute.

La luce solare può indurre il tuo corpo a sintetizzare la vitamina, poiché la radiazione ultravioletta B (UVB) converte un precursore nella pelle in una forma che il fegato e i reni trasformano in vitamina D utilizzabile; ma le persone che vivono ad alte latitudini spesso non sono esposte a sufficienza UVB, in particolare in inverno, per evitare carenze. E la pelle invecchiata o più scura può anche rallentare la sintesi della vitamina D.

Mangiare prodotti animali – pesce, uova e fegato – che contengono precursori può aiutare a colmare il deficit. Inoltre, viene integrato il latte venduto negli Stati Uniti e in alcuni altri paesi. Per i vegani, funghi e lievito sono una fonte meno efficace. Un’altra opzione è quella di assumere pillole di integratori, che sono spesso a base di lanolina, una sostanza cerosa secreta dalle pecore. (Le pecore possono ottenere vitamina D leccando la lanolina dalla loro lana.)

Poiché i pomodori sono naturalmente un precursore chiave della vitamina D, due gruppi hanno pensato che alcune modifiche genetiche potessero trasformarli in una fonte di vitamina priva di animali.

Su Nature Plants, un team guidato da Cathie Martin, ingegnere del metabolismo vegetale presso il John Innes Centre, ha riferito che eliminando un singolo gene si creano pomodori che potrebbero fornire ciascuno il 20% della dose giornaliera raccomandata di vitamina D nel Regno Unito. E in un preprint di fine marzo, un gruppo guidato dal genetista vegetale Sunghwa Choe della Seoul National University ha riferito che eliminando un gene correlato, è stato in grado di produrre pomodori con livelli ancora più elevati di un precursore della vitamina D.

Normalmente, i pomodori e altre piante della loro famiglia delle Solanacee producono un precursore chiamato provitamina D3 ma poi lo convertono in altri composti usando enzimi codificati da due geni, chiamati 7-DR1 e 7-DR2. I ricercatori sospettavano che l’eliminazione o l’inabilitazione di uno di questi geni avrebbe indotto la pianta ad accumulare provitamina D3, che se esposta alla luce solare si trasforma in un secondo precursore, la previtamina D3, che le persone possono utilizzare. “Sembrava una vera opportunità”, afferma Martin.

Ha funzionato. Il team di Martin ha deciso di eliminare il 7-DR2, che aiuta la pianta a sintetizzare i composti che le piante usano per affrontare lo stress da parassiti e microbi. Grazie al 7-DR1 intatto, le piante modificate sono cresciute normalmente. E ogni pomodoro maturo affettato, dopo l’esposizione alla luce solare, dovrebbe offrire tanta previtamina D3 quanto due uova medie. Il contenuto può essere aumentato affettando prima il pomodoro, hanno scoperto i ricercatori, e probabilmente ancora di più facendolo essiccare al sole. Anche le foglie e gli steli delle piante fortificate potrebbero essere utili, osserva Martin, perché potrebbero essere utilizzati per produrre integratori di vitamina D.

Il gruppo di Choe ha eliminato l’altro gene, 7-DR1, coinvolto nella produzione degli ormoni della crescita. Nella loro prestampa, pubblicata su Research Square, i ricercatori stimano che un pomodoro modificato può contenere fino a 100 microgrammi di provitamina D3, più di quanto visto negli esperimenti di Martin, dopo un mese di conservazione liofilizzata. “Pensiamo che la molecola sia abbastanza stabile nel frutto”, afferma Choe.

Finora, i pomodori modificati sono stati coltivati ​​solo in serre di laboratorio. Martin inizierà una prova sul campo il prossimo mese e Choe spera di iniziarne una quest’estate. I test sul campo saranno cruciali per vedere se le piante possono prosperare sotto stress del mondo reale. I ricercatori dovranno anche dimostrare che il corpo può assorbire la previtamina D3 nei pomodori e convertirla in vitamina D.

Un’altra sfida potrebbe essere l’accettazione da parte dei consumatori: alcune persone potrebbero non accettare pomodori geneticamente modificati, osserva Kevin Cashman, uno scienziato nutrizionista dell’University College Cork. Se i pomodori biofortificati arrivassero sul mercato, scrivono i fisiologi delle piante Dominique Van Der Straeten e Simon Strobbe dell’Università di Gent in un commento su Nature Plants, potrebbero segnare “un balzo in avanti nel ridurre la nostra dipendenza dagli alimenti di origine animale”.

Fonte: News for Science