''Vivi Taburno. Riscoprire il valore delle proprie radici''

A Sant’Agata de’ Goti (Caserta), presso l'Agriturismo Palazzo Rainone martedì 15 luglio ore 16,30 si terrà la presentazione alla stampa del progetto
“Vivi Taburno. Riscoprire il valore delle proprie radici”

La promozione e la valorizzazione delle risorse del Parco del Taburno Camposauro, sono al centro di "Vivi Taburno. Riscoprire il valore delle proprie radici", un progetto che, attraverso una serie d’attività, oltre a far conoscere meglio le grandi attrattive di una terra antica, vuole creare nuove possibilità economiche e contribuire al miglioramento della qualità della vita.

Il progetto sarà oggetto di una conferenza stampa nel corso della quale verranno presentate le diverse iniziative che lo costituiscono, fra cui i laboratori d’azione “Volto e anima del Parco” e “Antichi mestieri”, e il cortometraggio sugli antichi mestieri.

Con “Volto e anima del Parco” si intende mettere a confronto il passato e il presente del Parco attraverso il lavoro prodotto dagli alunni delle scuole medie e superiori che parteciperanno a una serie di laboratori fotografici teorici e pratici.

Attraverso gli “Antichi mestieri”, invece, si vuole recuperare, tutelare e valorizzare la tradizione delle botteghe artigiane e avviare dei percorsi formativi in favore dei giovani che intendono intraprendere queste attività. In particolare sono stati individuati i laboratori artigiani tuttora attivi nella lavorazione del legno, della pietra, del ferro, della raffia e della paglia. In tale ambito sarà anche girato un cortometraggio in costume con lo scopo di far conoscere la storia del Parco.

La conferenza stampa si terrà il 15 luglio, alle ore 16,30, presso l'Agriturismo Palazzo Rainone di Sant'Agata de' Goti. All'incontro parteciperanno: Clemente Di Cerbo (Presidente Ente Parco del Taburno), Alfonso Ciervo (Sindaco di Sant'Agata de' Goti), i collaboratori del progetto ed esponenti delle istituzioni. Dopo l'ìincontro seguirà un cocktail.

L'operazione è cofinanziata dal POR Campania 2000 – 2006, misura 1.9

ufficio stampa: Sandro Tacinelli