''Vivere in Oltrepo, tra vigne e colline che disegnano il cielo''

Dall'Oltrepo pavese a Roma per parlare del propria territorio
Cinzia Montagna, dell'Ufficio stampa Consorzio vini Oltrepo, terrà una relazione in occasione della quarta edizione di “Vieni in provincia” che si tiene nella Capitale dal 21 al 25 aprile per discutere delle particolarità turistiche, economiche e produttive delle cento province e degli ottomila Comuni italiani e rappresenterà il Consorzio Vini al convegno dedicato a “Le azioni del territorio a sostegno della qualità della vita: alla scoperta di nuove forme di governance”
(Lunedì 25 aprile 2005 – Ore 16.30 – Area Convegni – Galoppatoio).
Il programma della giornata prevede inoltre i seguenti interventi:
– introduzione a cura di Roberto Alfieri, Consulente Sviluppo Risorse Umane;
– On. Daniela Monteforte, Assessore alle Politiche della Scuola – Provincia di Roma: “Il progetto della Provincia di Roma per una scuola al servizio della socialità e della qualità della vita”;
– Dr. Marco Visconti, Vice Presidente della Provincia di Grosseto e Assessore allo Sviluppo Rurale: “L’esperienza del distretto rurale della Maremma”;
– Mario Ambrogi, Partner Project Outdoor Education: “La formazione per lo sviluppo di una nuova socialità: esperienze e nuovi metodi”;
– Paolo Lugni, Presidente Associazione “Le Gocce”: “Giardini senza età: progetti intergenerazionali ed interculturali di periferia per la sostenibilità ambientale e la socialità”;
– Fulvio Pellegrini, Sociologo Esperto di Politiche Pubbliche: “Provincia, metropoli e governance”;
– Fabrizio Russo, Fiduciario Condotta Romana e Governatore Slow Food Lazio: “Elogio della biodiversità”.
La manifestazione ha dimostrato sin dalle prime edizioni di svolgere un ruolo primario nella promozione e valorizzazione del mondo della provincia non solo offrendo al pubblico una vasta serie di nuove conoscenze ma anche mettendo a disposizione degli operatori istituzionali una vetrina dove poter offrire, in maniera diretta ed efficace, i risultati del proprio impegno e di tutte le attività volte alla promozione turistica del territorio sotto i vari profili dell’artigianato, dei prodotti tipici, della conservazione delle tradizioni, delle risorse naturali ed ambientali nonché di quelle culturali.
In particolare il convegno vuole proporre un percorso di identificazione degli elementi strutturali che contraddistinguono la dimensione della qualità della vita in provincia, nell’individuazione di azioni rivolte alla realizzazione di uno sviluppo sostenibile non misurabile solo in termini ecologici, ambientali, ma anche sociali e umani mettendo al centro la qualità della vita collettiva, dando cittadinanza ai valori della cooperazione, della sana competizione, della progettualità.