Uscita “La GuidaCriticaGolosa al Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Costa Azzurra”

Firmata da Paolo Massobrio esce la XVIII Edizione della GuidaCriticaGolosa al Piemonte. Alessandria protagonista con 3 "Corone radiose" ai Ristoranti.
Celebrazioni a Golosaria.

37 ristoranti titolari citati (tra cui 10 nuovi), 184 fra negozi e produttori. E poi 3 corone, 5 faccini radiosi e 7 artigiani radiosi: ecco i numeri dell´eccellenza alessandrina segnalati sulla XVIII edizione della GuidaCriticaGolosa al Piemonte (Comunica Edizioni, 17.50 euro) firmata dal giornalista Paolo Massobrio.

La GuidaCriticaGolosa da 18 anni è il libro per gli appassionati del gusto piemontesi e, nelle 672 pagine, segnala 1.090 ristoranti, osterie e vinerie e 1.363 negozi e produttori di cose buone. Le corone radiose di Alessandria, ossia le migliori tavole della provincia sono state assegnate che vedono l'affermazione di Donatella di Oviglio, accanto alle conferme de I Caffi di Acqui Terme e La Fermata di Spinetta Marengo.

Come di consueto i ristoranti, le trattorie, le aziende agrituristiche, le vinerie, i produttori e i negozi sono stati visitati dallo staff di Papillon con prenotazione sotto falso nome e pagando il conto. Il giudizio presente in guida è espresso in "faccini", ossia mediante la raffigurazione dell´espressione che si dipinge sul volto dopo la prova fatta. Il "faccino radioso" corrisponde al massimo dei voti, ovvero ad un commovente 10 e lode, mentre la "corona" è la perfezione di tutti i piatti del menu. Il faccino radioso quest'anno è stato assegnato per la prima volta a Belvedere dal 1919 di Cantalupo Ligure e a La Locanda dei Narcisi di Pozzolo Formigaro, mentre vengono confermati: Vecchia Posta di Avolasca; Cascina Martini di Murisengo e La Giorgetta di Pozzolo Formigaro. Ben due agriturismo col massimo dei giudizi, e questa è una eccezione che connota la sola provincia di Alessandria.

Artigiani radiosi dell´anno sono: Cremeria della Piazza • Alessandria; Sugar Art • Casale Monferrato; Tenuta Il Ritiro • Gavazzana; Salumificio Arsura • Gremiasco; Casa Costa • Murisengo; Birrificio Civale • Spinetta Marengo; Melamangio • Odalengo Piccolo.

"Tutto è iniziato dalla provincia di Alessandria nel 1991 – ricorda Massobrio – e in questi anni abbiamo in qualche modo accompagnato la ristorazione locale che presenta molte novità. Ma di Alessandria e del Monferrato mi colpisce anche il salto in avanti di alcune tavole meritevoli, segno che ci si sta concependo come una provincia turistica in grado di attrarre nuovi clienti”.

Tra i premi assegnati a Golosaria anche quello al personaggio dell’anno, ovvero Massimiliano Biglia dell'Associazione culturale ”C'era una volta” di Villamiroglio che ha realizzato lo splendido filmato Liloira.

La GuidaCriticaGolosa al Piemonte, costola del Golosario (la guida alle cose buone d´Italia) conta per il solo Piemonte 383 locali titolari, 390 "altri locali", cui si aggiungono 1.083 luoghi del gusto e produttori di cose buone oltre a 974 cantine e a 336 hotel.

La GuidaCriticaGolosa al Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta e Costa Azzurra è acquistabile anche online all'indirizzo www.clubpapillon.it.