Un solo marchio per tutti i produttori di Mele di Valtellina Igp

E' il risultato di una fusione tra aziende piccole per ottimizzare i costi e guardare ai mercati lontani.
In una frase: il contrario del concetto del «chilometro zero» da molti invocato come toccasana dell'agricoltura made in Italy.
La strada imboccata dagli imprenditori valtellinesi – e resa possibile da un accordo siglato sabato – da un lato è quella già tracciata dai loro colleghi del Trentino ma dall'altro rappresenta una rottura con un pensiero «mainstream» in fatto di campagna.
La novità in sostanza si traduce in questo: circa 700 produttori di mele della provincia di Sondrio (una delle eccellenze dell'economia locale) conferiranno il loro raccolto a un'unica cooperativa, nata dalla fusione di tre realtà già esistenti. Il nuovo soggetto prende il nome di Melavi, un marchio che già
contraddistingue la produzione valtellinese.