Un libro di ricette sulle rotte di Cristoforo Colombo

Nemmeno Cristoforo Colombo, cui pure non difettava talento visionario, avrebbe potuto prevedere le conseguenze della sua grandiosa impresa!

Ciò che il descrubidòr si trovò di fronte, varcato l’abisso sconosciuto dell’Oceano Tenebroso, non era solo una nuova terra, ma un intero mondo di alimenti del tutto ignoti agli europei.

Oggi non sapremmo cosa siano una pizza oppure un piatto di gnocchi se dall’America non fossero arrivati i pomodori e le patate, non conosceremmo la polenta di mais, gialla come l’oro che tanti conquistadores avidamente andarono cercando, né il sapore della carne di tacchino, della cioccolata, dei peperoni, dell’ananas, dei fagioli.

Ma l’esplorazione delle nuove terre e la scoperta di frutti e cibi sino allora sconosciuti, non può prescindere dalla conoscenza della cucina dei luoghi in cui Colombo nacque e visse. Ed è dunque dalle ricette della cucina ligure che parte questo volume: per esplorare e gustare, nel più goloso dei viaggi, l’espressione della cultura alimentare dell’Otro Mundo.

Sulle rotte del grande navigatore, da Genova al Portogallo, dalla Spagna all’America, questo libro è un gustoso omaggio a colui che, andando al di là di ogni possibile immaginazione e di ogni umano progetto, iniziò un nuovo capitolo non solo della storia ma anche della gastronomia.

GUSTAR EL LEVANTE POR EL PONIENTE
Ricette sulle rotte di Cristoforo Colombo
di Loredana Limone
Collana “Orizzonti”
Gammarò Editori, Sestri Levante, 2008
Weblink: www.gammaro.it

* * * *

L'Autrice
Loredana Limone ha pubblicato: Il Trenino Arlecchino e altre storie (Edizioni Associate, 2002), La cucina del Paese di Cuccagna (Il leone verde, 2003), Mangiare in Cascina (Atesa, 2004, prefazione di Davide Paolini), Mosaici d’amore (Foschi, 2007, la cui versione teatrale è stata messa in scena a Milano e Reggio Emilia), Lo zucchino d’oro (Vallecchi, 2008), Gustar el Levante por el Poniente (Gammarò, 2008), Il fagiolo magico e altre fiaboricette (Sarnus, 2008). Ha ricevuto diversi riconoscimenti per la poesia, la drammaturgia e la narrativa, tra cui il primo premio Italia Medievale 2006 con il racconto vincitore Il pranzo del Dux Mediolani, inserito nel volume Italiae Medievalis Historiae (Tabula Fati, 2007). Ha ideato e conduce il laboratorio di scrittura creativa gastronomica Sapori letterari di cui ha curato, partecipandovi, l’antologia omonima (Terra Ferma, 2008, prefazione di Allan Bay).