Un “Educational”per i pizzaioli sulla pizza

Il 22 febbraio a Milano con Golosaria e Molino Quaglia, tutto sulla pizza del terzo millennio ea chilometro ravvicinatodestinati a diventare piatti della ristorazione

Un educational sulla pizza del terzo millennio. Un appuntamento per parlare di questo piatto come nuovo esempio di ristorazione: questo l'incontro che il 22 febbraio dalle ore 10.00 alle ore 13.00 animerà il Ristorante Sempione 42 a Milano.

Organizzato dal Club di Papillon e da Molino Quaglia, che da anni anima le iniziative di Golosaria, l'evento è rivolto ai pizzaioli del Nord Italia ed ha lo scopo di proporre la pizza come piatto della ristorazione realizzato con prodotti artigianali di qualità.

E così i fratelli Fabrizio e Marcello Pasinelli, titolari della Pizzeria Al Castello di Cividate Al Piano (Bg), prepareranno davanti ad una selezione di pizzaioli italiani la classica pizza margherita e una variante proposta con la coda di storione.

Insieme a loro ci saranno Paolo Massbobrio, giornalista autore de Il Golosario, e Piero Gabrieli, direttore marketing Molino Quaglia, leader in Italia per la produzione di farine di grano tenero. L'abilità del Molino Quaglia, nato nel 1914, è quella di combinare le selezioni più adatte alle caratteristiche di ogni farina, realizzando controlli capillari in ogni fase di lavorazione. Il Molino sviluppa inoltre progetti che credono nella crescita professionale e nell'imprenditoria personale diffondendo le migliori tecniche per sfruttare al massimo le proprie farine, al fine di creare un prodotto sopra la media che esalti il valore delle materie prime e del lavoro umano. Tra questi c'è l'Università della Pizza, da cui nasce il Simposio Tecnico della Pizza Italiana, denominato PizzaUp. Un team selezionato di pizzaioli coordinato da medici nutrizionisti e da professionisti della cucina lavora per tre giorni per codificare metodi di lavorazione che migliorano la conoscenza e il trattamento delle materie prime per una pizza più gustosa e digeribile. Un'iniziativa unica al mondo.
Il prodotto di punta del Molino Quaglia è Petra: una farina gustosa e profumata originata da grani di assoluta eccellenza, ricca di fibre, sali minerali e germe di grano la cui peculiarità consiste nella diversa capacità di assorbire l'acqua e nella grande versatilità nei diversi impasti (merito dell'elevato contenuto di fibre e dell'accurata selezione di grani).

Tra i prodotti d'eccellenza che verranno utilizzati per la preparazione delle pizze ci saranno:
Farina Petra – Molino Quaglia (Pd); Olio extravergine di oliva Garda Dop – Comincioli (Bs); Fior di Latte – Caseificio I Trulli di Milano; code di Storione – Aziende Agricole Mandelli di Cassolnovo (Pv); Pomodoro San Marzano – Graziella di San Valentino di Torio (Sa).

Ma durante l'incontro, in cui Paolo Massobrio racconterà insieme ai titolari delle aziende le peculiarità di ogni prodotto, si parlerà anche della birra artigianale di Prato Rosso, prodotta in provincia di Milano.

Sarah Scaparone
giornalista – ufficio stampa
Press Passion
scaparone@presspassion.it
www.presspassion.it