Ue: contributi per lavoro e solidarietà nel 2016

Per crisi latte ed embargo russo 500 mln extra agli agricoltori

Il Parlamento europeo ha votato l'accordo finale sul bilancio generale dell'unione europea per il 2016, accordando "circa 1 miliardo e mezzo di euro di finanziamenti per promuovere l'occupazione in Europa e per gestire la crisi dei migranti e dei rifugiati".
Lo ha detto l'eurodeputato Giovanni La Via (Ap/Ppe), Presidente della Commissione Ambiente, Sanità e sicurezza alimentare del Parlamento europeo. Per La Via il testo approvato è "molto positivo", perché riflette quasi tutte le priorità del Parlamento europeo. Tra queste, c'è anche lo stanziamento "di 500 milioni di euro extra per gli agricoltori, per aiutarli ad affrontare la crisi del settore lattiero-caseario, nonché per compensare gli effetti dall'embargo russo".

Insomma – ha sottolineato La Via – "abbiamo spinto per usare tutte le risorse disponibili, sfruttando anche lo strumento di flessibilità al suo massimo, per rispondere alle sfide dell'occupazione, soprattutto giovanile, fornendo le risorse necessarie per creare nuovi posti di lavoro e per affrontare la gestione dell'emergenza migranti".

"Sulla crisi migratoria – ha aggiunto – si agirà attraverso il rinforzo delle agenzie esecutive, come Frontex, con maggiori fondi per i programmi legati alla gestione del problema sin dalle sue origini, sia internamente che esternamente alle frontiere Ue, concentrandosi anche sulla prevenzione, sugli aiuti umanitari e sugli strumenti per la cooperazione nei paesi di origine". "A supporto poi dell'educazione giovanile – ha concluso l'eurodeputato – abbiamo incrementato le risorse per il programma Erasmus".

(ANSA)