Spendiamo i soldi a tutto…GAS

Per le prossime festività facciamo attenzione a come spendiamo i soldi, che a gennaio saranno di nuovi…pochi!
Scegliamo di acquistare con un gruppo d'acquisto, i cosiddetti GAS e avremo la certezza di aver risparmiato.
Questo vale soprattutto per la preparazione del pranzo di Natale e per il cenone di Capodanno se li facciamo in casa.
Secondo un'indagine della Conferscenti gli italiani rinunciano già al superfluo e stanno attenti a spendere meno soldi anche per soddisfare il palato.
I supermercati, si sa, sono molto comodi, ma anche più cari rispetto ai mercati rionali.
Un’idea alternativa è proprio quella di far parte di un GAS (Gruppo d’Acquisto Solidali), attraverso i quali si risparmia comprando all’ingrosso direttamente dai fornitori.
Si compra insieme e poi si divide la merce per contenere le spese. Ma l’idea non è solo quella di salvare il portafoglio. E' anche di essere solidali nel momento delle compere, scegliendo piccoli agricoltori e prodotti che rispondono ai criteri di rispetto per l’ambiente e gli esseri umani.
Si compra di tutto, dalla frutta e la verdura ai detergenti biologici e magari vestiti, riuscendo a risparmiare, in alcuni casi, anche il 25 per cento. La qualità è sempre ottima.
Durante i fine settimana gli organizzatori di ogni Gas vanno a visitare agricoltori e stalle, per verificare la provenienza di ogni prodotto, stando attenti non solo che non siano usati pesticidi, ma anche le condizioni di lavoro.
Entrare a far parte di un Gas è molto semplice: basta consultare la lista dei gruppi in Italia e cercare quello della vostra zona. Quindi si contatta l’organizzatore del gruppo e automaticamente si prende parte all’acquisto. Se in zona non vi fosse ancora un GAS, costituirlo è abbastanza facile.
Con un minimo di due o tre famiglie, si inizia l’esplorazione della zona per poi dividersi i compiti. Dal contattare i fornitori a alla distribuzione della merce, tutto in turni diversi…

Danila ORSI

Fonte:http://www.retegas.org/