''Riso lodigiano'' un prodotto della ''terra buona''

La Provincia di Lodi, nell'intenzione di ampliare il paniere di prodotti lodigiani che potranno fregiarsi del marchio "Lodigiano terra buona" ha messo a punto per il riso lodigiano, un programma di marketing e comunicazione anche in collaborazione con l'associazione "Slow Food" e l'Associazione "Qualivita".
Dopo mais, vino, formaggio tipo Granone, latte fresco crudo confezionato, coltura del pomodoro da industria a pieno campo, carne suina, cotechino, salame cotto, salame crudo puro suino, allevamento linea vacca-vitello quest'anno verranno stabiliti i disciplinari di produzione della conserva di pomodoro, degli agriturismi, della birra e, soprattutto, del riso.
I disciplinari stabiliscono le regole, i requisiti, la rintracciabilità e i controlli a cui dovranno sottoporsi i produttori che intenderanno fregiarsi del marchio.
Tutti i disciplinari prendono le mosse dal Piano Agricolo Triennale della Provincia di Lodi, che prevede l'istituzione di un marchio di qualità collettivo della Provincia di Lodi per la certificazione e la promozione dei prodotti agricoli e agroalimentari e dei servizi agroambientali svolti dalla aziende produttive del Lodigiano.
La sperimentazione svolta nel corso degli anni passati da parte del settore agricoltura ed ambiente rurale ha consentito di mettere a punto diversi disciplinari di produzione che ora rappresentano una concreta opportunità per gli agricoltori di valorizzare le loro produzioni e una tutela del consumatore.