Prosciutto di Sauris

Il prosciutto di Sauris è un prosciutto crudo salato, affumicato con legno di faggio e stagionato esclusivamente nel comune dal quale prende il nome, per almeno dieci mesi. Esso presenta al taglio il colore rosso rosato del magro, con la porzione grassa suddivisa in leggere venature interne e una aliquota periferica generalmente collocata tra il magro e la cotenna. Il grasso è di colore bianco candido o bianco rosato. Il profumo è delicato e il gusto è dolce, con una garbata nota di affumicato.
Il territorio del Comune di Sauris è posto nella parte occidentali delle Alpi Carniche a un’altezza superiore ai 900 mt. sul livello del mare.
Qui, nel corso dei secoli si è sviluppata una tecnica, diventata vera e propria arte, che unisce l’uso prettamente nordico di affumicare le carni al metodo decisamente latino della conservazione delle carni mediante il sale. Tecnica che ha permesso al nome di Sauris di essere conosciuto al di fuori dei confini regionali proprio per il buon prosciutto affumicato che vi si produce.
Unico per la sua dolcezza e la sua caratteristica e leggera affumicatura otenuta con solo legno di faggio, è un prosciutto morbido e delicato, sorprendente e raffinato.