Primo riconoscimento nazionale per il ''Carciofo spinoso di Sardegna'' Dop

Il Ministero delle Politiche Agricole ha accordato al ''Carciofo Spinoso di Sardegna'' la Protezione Transitoria. E' il Consorzio per la Tutela della Dop 'Carciofo Spinoso di Sardegna' a riferirlo: ''E' un ulteriore passo avanti verso il riconoscimento europeo della Dop'', afferma il presidente del Consorzio, Andrea Valdes, che una decina d'anni fa con cinque cooperative ha iniziato il lungo percorso di riconoscimento della Dop da parte della Commissione di Bruxelles.

L'istanza di riconoscimento fu presentata, nel dicembre 2003, all'assessorato dell'Agricoltura della Regione sarda, ma la pratica resto' ferma alla Regione per oltre due anni. Quando poi, raggiunto il requisito della Rappresentativita', venne trasmessa al Mipaaf, due Decreti ministeriali la riportano alla base per l'adeguamento ai sopraggiunti requisiti normativi.
L'udienza pubblica del gennaio 2008, convocata dal Ministero a Santa Cristina (Oristano), la successiva pubblicazione del disciplinare nella Gazzetta Ufficiale, il primo invio dell'istanza alla Commissione e le ennesime richieste di integrazioni da parte di Bruxelless e del Ministero, hanno messo a dura prova la forza di volonta' dell'intera compagine sociale del Consorzio, che nel frattempo ha superato il numero di trenta associati, per una superficie coltivata di oltre 1.700 ettari.
"In questa tappa – continua il Presidente Valdes – una parte di rilievo l'ha rivestita l'Assessore Andrea Prato. L'aver creduto a quanto da anni stiamo perseguendo e aver dato un ulteriore impulso all'istanza presso il Ministero, portano a questo primo risultato tanto atteso. E' il successo della determinazione e della forza della rete che, speriamo a breve, ci portera' alla Dop del Carciofo Spinoso di Sardegna da parte della Commissione europea".