Presentata la nuova direttiva sui diritti dei consumatori

La nuova direttiva sui diritti dei consumatori armonizza diversi aspetti importanti delle normative nazionali a loro tutela, ad esempio le informazioni da fornire al consumatore prima dell'acquisto di beni e servizi e il diritto di annullare gli acquisti online.

Stamane a Roma, presso la sede della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, all'interno dello Spazio Europa, sono state presentate le più importanti novità introdotte dalla nuova normativa UE a tutela dei consumatori. L'evento è stato organizzato dalla Commissione europea, dall'Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato e dal Ministero per lo sviluppo economico e ha visto l'intervento del Commissario per la Politica dei Consumatori Neven Mimica.

In questa importante occasione il Commissario Neven, accompagnato dal Presidente dell'Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, Giovanni Pitruzzella e il sottosegretario allo Sviluppo economico, Simona Vicari, ha avviato la campagna di sensibilizzazione dell'opinione pubblica sui diritti dei consumatori in Europa e sulle novità contenute nella direttiva. E' stato inoltre presentato oggi lo spot in onda sui canali Rai che illustra le tutele previste dalla nuova normativa.

La nuova direttiva presentata oggi, potenzia ovunque i diritti dei consumatori, per qualunque acquisto essi facciano, sia online sia in un negozio. Anche le imprese potranno beneficiare di queste nuove norme, che creano condizioni di parità e rendono meno oneroso offrire prodotti e servizi in un contesto transfrontaliero.

Tra le novità principali introdotte dalla nuova normativa UE, presentata oggi, a tutela dei consumatori ricordiamo:

– maggiore trasparenza dei prezzi

– eliminazione delle sovrattasse ingiustificate (per l'uso di carte di credito e di servizi di assistenza telefonica)

– prolungamento del periodo di ripensamento, da 7 a 14 giorni, in tutto il territorio dell'Unione

– diritti di rimborso più solidi

– norme che vietano le trappole online

Una maggiore armonizzazione dei diversi aspetti delle differenti normative nazionali, dunque, che garantisce al consumatore gli stessi diritti in tutta l'UE e, contemporaneamente, semplifica le normative per le aziende, che disporranno d'ora in poi di maggiori incentivi per espandere le loro attività a livello trasfrontaliero.