Polpi e granchi non dovrebbero essere bolliti vivi

Novembre 2021 – Il Regno Unito è il primo Paese al mondo a riconoscere come esseri senzienti polpi e granchi.

Intelligenti, curiosi e mutaforma, la loro capacità di provare sentimenti è chiara a chiunque li abbia vissuti in natura – o abbia visto il documentario My Octopus Teacher.

Ora il governo del Regno Unito sta recuperando terreno includendo i celafodi – polpi, calamari e seppie – così come i crostacei decapodi come granchi, aragoste e gamberi – nel suo disegno di legge sul benessere degli animali.

La proposta di legge è stata ampliata venerdì dopo che una revisione indipendente della London School of Economics (LSE), esaminando più di 300 studi scientifici, ha trovato “forti prove scientifiche” che le creature marine possono provare dolore, angoscia e danno.

300 studi scientifici hanno trovato “prove scientifiche forti” che le creature marine possono provare dolore, angoscia e danno.
Il dottor Jonathan Birch, ricercatore capo e professore associato presso il Center for Philosophy of Natural and Social Science della LSE, afferma che l’emendamento aiuterà a rimuovere una “grande incoerenza”.

Il Bill riconosce già gli animali con una spina dorsale, ma il complesso sistema nervoso dei celafodi è un altro segno chiave della senzienza.

“I polpi e altri cefalopodi sono stati protetti dalla scienza per anni, ma fino ad ora non hanno ricevuto alcuna protezione al di fuori della scienza. Un modo in cui il Regno Unito può guidare il benessere degli animali è proteggere questi animali invertebrati che gli umani hanno spesso completamente ignorato».

Il nuovo disegno di legge “fornisce una garanzia cruciale che il benessere degli animali sia giustamente considerato quando si sviluppano nuove leggi”, afferma il ministro britannico per il benessere degli animali Zac Goldsmith.

Tuttavia, non modifica alcuna legislazione esistente, industria o abitudini di ristorazione, nonostante il rapporto mostri che è fermamente contrario a pratiche come la rimozione delle unghie dei granchi (prima di rimetterli nell’acqua) e la bollitura di altri decapodi in acqua che definisce un “metodo di macellazione estremo”.

I gruppi per il benessere degli animali hanno lanciato l’allarme sulla possibilità che i polpi vengano allevati in fabbrica.

Con l’aumento del consumo di carne di polpo, ci sono piani per legare i polpi negli allevamenti intensivi, un’industria che sarebbe straordinariamente crudele, secondo un rapporto di Compassion in World Farming (CIWF) il mese scorso.

Questa estate, c’è stata una protesta pubblica per un polipo che è stato venduto per 36 pence in un supermercato britannico. A molti sembrava angosciante che una vita potesse essere valutata così a buon mercato.

Ma anche la portata dell’allevamento di polpi è scioccante: lo scorso anno in Italia, la nazione più affamata di polpi dell’UE, sono state consumate 60.000 tonnellate di polpo. Mentre la Spagna ha condotto ricerche su gabbie e serbatoi a rete oceanica aperti a terra. Essere confinato in una gabbia con altri è un destino terribile per il polpo solitario , abituato a vagare da solo nell’oceano. Mettendolo a rischio di noia nella migliore delle ipotesi, cannibalismo nella peggiore.

Il cervello di un polpo comune ha 500 milioni di neuroni, il che lo rende intelligente come un cane o un bambino di tre anni.

La biologa marina Dott.ssa Elena Lara, responsabile della ricerca sui pesci presso il CIWF e autrice del rapporto, afferma che il documentario Netflix vincitore dell’Oscar “ha dato al mondo uno sguardo commovente sulla vita di questi animali selvatici unici, naturalmente solitari e fragili.

“Le persone che lo hanno visto sono rimaste sconvolte nello scoprire che ci sono piani per confinare queste creature affascinanti, curiose e senzienti negli allevamenti intensivi. Le loro vite semplicemente non varrebbero la pena di essere vissute”.

I polpi prendono a pugni quando sono affamati e arrabbiati, rivela uno studio.

L’organizzazione benefica ha messo insieme otto ragioni – una per ogni tentacolo – per cui il polpo da allevamento intensivo è immorale. Sono queste: I polpi sono solitari per natura

I polpi sono solitari per natura – I polpi non sono abituati a vivere insieme. Le condizioni di affollamento tipiche degli allevamenti intensivi farebbero emergere comportamenti aggressivi, territoriali, che potrebbero portare al cannibalismo.

Sono molto curiosi e intelligenti – Uno dei momenti più accattivanti di My Octopus Teacher è quando il polpo con cui Craig Foster fa amicizia in una foresta di alghe sudafricane viene visto giocare con i pesci, solo per il gusto di farlo .Il polpo ha un rapporto intimo e dinamico con il suo ambiente, esplorandolo e plasmandolo intorno a lei. La vita in cattività impallidirebbe al confronto, in modi inimmaginabili.

Circa il 20-25 per cento di tutto il pesce catturato in natura viene utilizzato per produrre farina di pesce e olio, che sarebbero la base di una dieta per il polpo in cattività.

Le loro diete carnivore sarebbero insostenibili in un ambiente agricolo – Ciò avrebbe una serie di impatti negativi sull’ambiente e sull’uomo, compreso il peggioramento della sicurezza alimentare in regioni come l’Africa occidentale, dove si trovano le principali fabbriche industriali di farina di pesce.

Si sa poco dei loro complessi bisogni di benessere e della sofferenza in cattività

Sono creature fragili che si feriscono facilmente – La fantastica flessibilità del cefalopode è in parte dovuta al fatto che non ha uno scheletro interno o esterno. La loro pelle è molto fragile, un vero punto debole in un ambiente agricolo dove è probabile che vengano danneggiati dalla manipolazione umana o da interazioni aggressive con altri polpi. I polpi possono essere una minaccia anche per se stessi, poiché il loro rapido movimento a propulsione a getto significa che potrebbero schiantarsi contro le pareti o le gabbie del serbatoio.

Attualmente non esiste un metodo scientificamente valido per la macellazione umana dei polpi. – Come si uccide un animale come un polpo? Gli studi attuali sul massacro di polpi catturati in natura menzionano una varietà di metodi brutali, tra cui bastonare la testa, affettare il cervello, asfissia in una rete e raffreddare nel ghiaccio. Alternative umane – che assicureranno che i polpi siano resi immediatamente incoscienti prima di essere uccisi, spiega CIWF – devono ancora essere sviluppate o approvate scientificamente.

Non esistono leggi vigenti a tutela del benessere dei polpi d’allevamento – Poiché i polpi non sono assolutamente protetti da metodi di macellazione disumani nell’UE, negli Stati Uniti, in Messico e in Giappone, sarebbe irresponsabile dare il via all’agricoltura in queste regioni. È assolutamente necessaria una legislazione adeguata.

È incompatibile con gli orientamenti strategici dell’UE per l’acquacoltura (SAG) – Le nuove linee guida strategiche dell’UE incoraggiano l’industria della piscicoltura a porre fine alla sua dipendenza dalla farina e dall’olio di pesce ottenuti da pesce pescato in natura e a diversificare con specie più sostenibili. Il polpo da allevamento industriale non è solo crudele con la meraviglia a otto zampe, è un grande passo nella direzione sbagliata per l’economia blu.