Piadina romagnola

Ricetta per 4

Procedimento

Unisci tutti gli ingredienti con l’acqua o il latte fino ad ottenere un impasto abbastanza sodo (non lavorarlo eccessivamente perché si potrebbero formare delle bolle durante la cottura), fai riposare per circa
un’ ora coperto con uno strofinaccio pulito.
Suddividi l’impasto in pagnottelle che, una volta distese con il mattarello devono formare delle “piade” di circa 25-30 cm. di diametro.
Lo spessore dipende molto dai gusti e può andare da due fino a cinque-sei millimetri (durante la cottura cresce).
Ricordati di strofinare frequentemente il mattarello con della farina per evitare che l’impasto vi si attacchi.
La piada deve essere cotta su di una teglia in ghisa o, ancora meglio, in terracotta sotto cui deve ardere un fuoco allegro perché la piadina deve essere cotta in fretta.
Mano a mano che la cottura procede in superficie si formano delle bolle medio-piccole più cotte che conferiscono l’aspetto caratteristico.
E’ bene “sforacchiare” entrambe le superfici della piadina con una forchetta per migliorare la cottura interna.
Utilizza un coltello lungo a lama larga per rigirare in senso orario e rivoltare spesso la piadina.

Piadina romagnola