Pavia ospita un Convegno sui vini

Un’indagine condotta da AIDIC – Gruppo di Lavoro Biotecnologie – e da International Projects – ha evidenziato l’esistenza in Italia di Centri di eccellenza in grado di analizzare, ricercare e definire non solo le proprietà organolettiche dei vini, ma anche la loro territorialità e caratterizzazione varietale. Da questa indagine nasce il Convegno organizzato a Torrazza Coste-Riccagioia (PV), il 28 ottobre 2006, con il preciso intento di presentare le moderne metodologie e gli strumenti messi in atto per la determinazione di caratteristiche chimiche, chimico-fisiche e biologiche necessarie per la definizione della territorialità e della caratterizzazione varietale. Il Convegno avrà inizio alle ore 9.30 con la registrazione dei partecipanti.

L’Italia è ricca di prodotti famosi in tutto il mondo, primo fra tutti il vino, un alimento oggetto di crescente attenzione soprattutto per la costante ricerca e messa a punto di tutto ciò che ne può certificare il territorio di provenienza, definirne le caratteristiche varietali, a garanzia degli operatori della filiera, e tutelare la tipicità. La difesa di tutte queste proprietà è contemplata anche dalle politiche Comunitarie volte alla salute e protezione dei consumatori.

Consapevoli della rilevanza dell’argomento, AIDIC e International Projects organizzano per il 28 ottobre, 2006, un Convegno focalizzato sullo stato dell’arte dei Sistemi innovativi di controllo per l’individuazione di territorialità e caratterizzazione varietale dei vini. Il convegno si terrà in una delle più vocate aree vitivinicole italiane e, più precisamente, nell’Oltrepò Pavese, a Torrazza Coste – Riccagioia nella sala polivalente di Riccagioia dell’ ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste). In particolare, il convegno intende offrire una panoramica sulle più avanzate tecniche di analisi strumentali, chimico-fisiche e biologiche in grado di consentire non solo la determinazione del territorio di origine del vino, ma anche di indicarne la varietà.

Saranno affrontate le seguenti tematiche: caratterizzazione dei microrganismi del vino, analisi isotopiche e dei microelementi, approfondimento sui metaboliti, analisi genetiche, normative del settore. Numerosi e qualificati gli interventi previsti: CRA-Istituto Sperimentale per l’Enologia di Asti; Enosis Meraviglia; Istituto Agrario S. Michele all’Adige; CNR-Istituto di Scienze dell’Alimentazione di Avellino, Unione Italiana Vini e altre organizzazioni del settore.
AIDIC. Associazione Italiana di Ingegneria Chimica riunisce professionisti provenienti dall'industria e dal mondo accademico, operanti nel settore dell'ingegneria chimica, e accoglie anche i giovani ancora in formazione. AIDIC è affiliata all'EFCE (European Federation of Chemical Engineering) e all’EFB (European Federation of Biotechnology) che consentono di operare a livello internazionale con delegati nazionali. All’interno di AIDIC opera il Gruppo di Lavoro Biotecnologie la cui mission è approfondire le varie tematiche delle Biotecnologie tradizionali ed avanzate: queste ultime stanno assumendo importanza crescente con uno sviluppo particolarmente intenso a livello mondiale sia nella ricerca scientifica sia in quella industriale.

INTERNATIONAL PROJECTS (www.interproj.it): ricerche di marketing strategico nei settori dell’Agro-alimentare, delle Biotecnologie; ottimizzazione di comparti aziendali, quali attività produttive, selezione e gestione di risorse umane, sintesi organica industriale. Il Gruppo di lavoro è composto da manager industriali e docenti universitari le cui esperienze diversificate consentono di realizzare interventi multidisciplinari nei settori sopra menzionati.

P R O G R A M M A del C O N V E G N O

09.30 Registrazione dei Partecipanti

09.50 Apertura lavori e presentazione del Convegno
Enrico Bardone, Coordinatore
(AIDIC – GdL Biotecnologie)

10.00 La caratterizzazione dei microrganismi del vino: un aspetto di comune
interesse per produttori e consumatori
Emilia Garcia Moruno
(CRA-Istituto Sperimentale per l’Enologia, Asti)

10.20 Le analisi genetiche: il DNA nei vini
Lucia Martinelli
(Istituto Agrario San Michele all’Adige)

10.40 Studio dell'Influenza delle pratiche di vinificazione sulla concentrazione delle Terre Rare in vini bianchi mediante ICP-MS
Eugenio C. Rossano, Zoltan Szilagyi, Antonio Malorni, Gabriella Pocsfalvi
(CNR-Istituto di Scienze dell’Alimentazione, Avellino)

11.00 I metaboliti secondari dell’uva e del vino: profilo varietale come mezzo di caratterizzazione e rintracciabilità della denominazione d'origine
Dora Marchi, Giacomo Mazza
(Enosis Meraviglia, Fubine-AL)

11.20 Elementi minerali e rapporti di isotopi stabili di bioelementi nella caratterizzazione di origine dei derivati dell'uva
G. Nicolini, G. Versini, R. Larcher, F. Camin, L. Bontempo
(Istituto Agrario San Michele all’Adige)

11,40 Modello organizzativo per la gestione della rintracciabilita' di un vino
Francesco Pavanello
(Unione Italiana Vini, Milano)

12,00 Tavola rotonda: Il vino e il suo territorio
partecipano imprenditori, tecnici, esperti di legislazione vinicola, esponenti della Commissione Agricoltura del Senato.

13,00 Aperitivo