Pasta e Cocozza (zucca) delle Cinque P

(Tutte le P: pasta, peperoncino, parmigiano, prezzemolo e pepe, sono fondamentali per il piatto.)

Ricetta per 4 persone

Ingredienti: 500 g zucca gialla lunga sbucciata e privata dei semi, 300 g di pasta tubolare, (tipo fusilli, penne, orecchiette, farfalle ), 2 spicchi d’aglio, pelati, 4 i prezzemolo tritato 4 cucchiai, ¾ di tazza (una tazza è una misura americana pari a 250 ml) di parmigiano, più altro per servire, 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva, sale e pepe a piacere, peperoncino (peperoncino), facoltativo ma vivamente consigliato.

Procedimento: togli la pelle e i semi della zucca, quindi tagliala a cubetti di circa 2 cm. In una pentola capiente, soffriggi i pezzi interi di aglio e peperoncino (se utilizzato). Una volta dorato, togli l’aglio e aggiungi la zucca, mescolando per due minuti. A questo punto aggiungi l’acqua necessaria a coprire generosamente il tutto. Quando arriva a bollore aggiungi un po’ di sale. Cuoci per almeno 15 minuti, finché la verdura non sarà ben cotta. Rimuovi due tazze di zucca cotta dalla pentola e frullale in un frullatore. Nella stessa pentola (con la zucca rimasta) cuoci ora la pasta. A metà cottura (controlla le istruzioni sulla confezione per il tempo di cottura al dente), aggiungi nella pentola la crema di zucca frullata. Continua a cuocere la pasta al dente. Se necessario aggiungi altra acqua (acqua calda) fino a raggiungere la cremosità desiderata (dovrebbe sembrare un buon risotto). Infine aggiungi il prezzemolo tritato e il parmigiano grattugiato. Mescola bene, aggiusta di sale e pepe e servi su un piatto fondo con altro parmigiano.

Consiglio

Per arricchire il sapore del piatto, nonna Maria (la nonna di Mosca) ha un trucco: scalda una padella a fuoco medio e aggiungi 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, aggiungi un ciuffo di rosmarino e fai soffriggere per qualche minuto. Ora hai l’olio aromatizzato al rosmarino. Versane un cucchiaino sul piatto di pasta: la dolcezza e i profumi del piatto ti guideranno in questo viaggio autunnale

Storia

Durante uno dei miei viaggi negli Stati Uniti per visitare la mia famiglia, una sera avevo bisogno di improvvisare la cena. Ho aperto la dispensa per prendere ispirazione e ho visto una zucca. Mi sono ricordato l’antica ricetta di nonna Maria, che da buona napoletana cucinava tutto con la pasta.

Gli americani sono abituati a usare la zucca quasi esclusivamente per i dolci. Quindi la mia famiglia americana è rimasta perplessa quando ho detto che l’avrei usata per un piatto di pasta.

Il fatto che fossero necessari solo una pentola e pochi ingredienti, ha generato un’aspettativa ancora più alta.

Il risultato è stato molto apprezzato, tanto che ancora oggi ricevo foto di Pasta e Cucozza cucinate dall’altro lato dell’Oceano Atlantico.

Per la preparazione nonna Maria usava l’unica pasta che conosceva bene: gli spaghetti. Tuttavia, secondo la tradizione, legumi o verdure devono essere abbinati a formati di pasta corta (fusilli, penne, orecchiette, farfalle).

Ma per mia nonna Maria i tipi di pasta corta erano fuori discussione, e usava anche gli spaghetti. Come? Spezzare gli spaghetti in 5 parti. Avrei potuto misurare con un calibro ogni singolo spaghetto, e sono sicuro che non ne avrei trovato uno più lungo o più corto dell’altro.

Oggi, dopo aver affinato la tecnica, ma senza modificare gli ingredienti base della ricetta tradizionale, utilizzo un formato speciale di Pasta di Gragnano Igp chiamato “Mezzi Occhi di Lupo”, che si avvicina molto nella forma ai grossi tubetti napoletani. La Pasta di Gragnano Igp è una pasta secca ottenuta da un impasto di semola di grano duro e acqua di Gragnano, in provincia di Napoli

Per la presenza di cavità nella pasta Mezzi Occhi di Lupo, la forma è ideale per raccogliere la cremosità del sugo di zucca.

Ricetta dello chef Nino Mosca