Paolo De Castro e la politica europea di sviluppo rurale

Il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Paolo De Castro nel suo discorso a Magonza, in occasione del consiglio informale dei ministri dell'agricoltura Ue si è così espresso: "occorre creare un meccanismo semplice e trasparente che permetta di determinare la provenienza geografica dei prodotti; la politica europea di sviluppo rurale deve infatti contribuire a rafforzare il senso di appartenenza ad un territorio, per recuperare lo spirito imprenditoriale degli agricoltori e stimolare cosi' un continuo miglioramento della qualita' dei prodotti".
Ha altresì evidenziato "le tre indicazioni principali per un'ottimale pianificazione della politica europea di sviluppo rurale:
– lo stimolo delle imprenditorialita' agricole e quindi delle produzioni agroalimentari ad alto valore aggiunto;
– l'integrazione delle aree rurali con gli altri settori produttivi, nel rispetto degli standard ambientali e sociali europei;
– la difesa dei marchi e del patrimonio agroalimentare".
Il Ministro Paolo De Castro ha proseguito disegnando una strategia di sviluppo che, forte del nuovo ruolo dell'agricoltura come protagonista della crescita economico-sociale di un territorio, si fonda su competitivita', multifunzionalita' e tutela dell'origine, "un tema da affermare, quest'ultimo – ha ribadito – anche in ambito Wto".