Otto Comuni uniti propongono il ''Chianti d'autunno''

Si alza il sipario sul grande evento che chiude la stagione turistica chiantigiana.
E' iniziato il 1° novembre, “Chianti d'autunno”, la manifestazione che prende vita nei luoghi più suggestivi del Chianti senese e fiorentino, tra sacro e profano, tradizione e gusto, in un coinvolgimento sensoriale completo che prende spunto da un tema principale: il Chianti Classico, famoso nel mondo per la sua etichetta con il Gallo Nero.
L'evento, che coinvolge gli otto Comuni chiantigiani delle province di Siena e Firenze, si protrarrà fino al 12 novembre.
Il 1° novembre, lo scenario è quello di Castellina in Chianti, in territorio senese e di Tavarnelle Val di Pesa, in provincia di Firenze.
A Castellina in Chianti l'inaugurazione è a metà tra il gusto e l'arte. Alle ore 21.30, presso la Torre medievale, l'appuntamento è con “Laboratori sensoriali – degustazioni ad arte”, l'iniziativa a cura di Apt Siena tesa a unire in esperienze sensoriali uniche i concetti di bello e buono, le delizie dei prodotti agroalimentari chiantigiani alle bellezze del grande patrimonio artistico. Domani sera Filippo Bartolotta guiderà alcune videoperformance degustative. L’appuntamento, così come tutte le iniziative di Chianti d’Autunno”, è gratuito ma i posti sono limitati. È quindi necessaria la prenotazione al numero 0577 280551.
Tavarnelle Val di Pesa ospiterà invece alle ore 21.30, al Teatro Mcl, un grande spettacolo a cura dell'Associazione Teatrale Chiantigiana: “Storie dal Decameron”. Uno spettacolo che riporterà sul palco due novelle tratte da quella raccontate nel Trecento da Giovanni Boccaccio attraverso le dieci giornate tra le più famose della letteratura italiana. La regia è di Massimo Guarducci, Matteo Marsan e Rita Vannetti.
Del resto il cartellone della kermesse è ricco di appuntamento, e prevede degustazioni, convegni, spettacoli, itinerari nei castelli e un percorso gastronomico unico, con sessanta ristoranti che per dieci giorni propongono i piatti della cucina tradizionale a prezzo promozionale
“Il successo ottenuto lo scorso anno dalla manifestazione dimostra che la volontà degli otto Comuni chiantigiani di “fare sistema” è forte e sta portando i suoi frutti”. Così si è espressa Anna Maria Betti, sindaco di Castellina in Chianti, nel presentare l'edizione 2006 della kermesse, lo scorso 30 ottobre a Firenze. Una manifestazione che prenderà vita nei luoghi più suggestivi del Chianti senese e fiorentino, tra sacro e profano, tradizione e gusto, in un coinvolgimento sensoriale completo che prende spunto da un tema principale: il Chianti Classico, famoso nel mondo per la sua etichetta con il Gallo Nero.
“Ci auguriamo che “Chianti d'autunno” diventi un appuntamento fisso nel calendario chiantigiano sia per i turisti sia per tutti coloro che vivono quotidianamente il territorio”, ha aggiunto ancora il sindaco Betti “Chianti d'autunno: tra sacro e profano” è l’evento autunnale che vede uniti i comuni del Chianti fiorentino e senese Barberino Val d’Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti, Greve in Chianti, Radda in Chianti, San Casciano Val di Pesa e Tavarnelle Val di Pesa. Dall’1 al 12 novembre la kermesse proporrà quindi un ricco calendario di iniziative, convegni, concorsi fotografici, spettacoli, percorsi enogastronomici nei borghi e nei più bei castelli, riscoprendo anche teatri, musei e abbazie, tra gusto e cultura. Immancabile inoltre “Quinto Quarto e dintorni”, il circuito enogastronomico che per dieci giorni vedrà coinvolti circa sessanta ristoranti distribuiti su tutti gli otto comuni, che durante l’evento offriranno menù a prezzi trasparenti a base di piatti della tradizione toscana, difficilmente disponibili negli altri periodi dell’anno.
L’evento è cofinanziato dall’Iniziativa Comunitaria Leader Plus, attraverso il Consorzio Eurochianti.