Oltre 25.000 persone nel Monferrato per Golosaria

Oltre 25.000 persone nel Monferrato per Golosaria

Giovanni Storti a Vignale Monferrato rimarrà l’immagine impressa di questa V edizione di Golosaria che si è inaugurata per la seconda giornata tra i Castelli del Monferrato.
E mentre l’attore riceveva la cittadinanza onoraria dal sindaco di Vignale Tina Corona e dall’ideatore di Golosaria Paolo Massobrio circondati dagli apecar enogastronomici simbolo del nuovo street food che si sta diffondendo in tutta Italia, oltre 25.000 persone hanno girato tra i castelli aperti in occasione della manifestazione, tra cui quello di Casale, visitato per tutti i due giorni ininterrottamente, quello di Camino con gli artigiani di antichi mestieri, quello di Uviglie, e quello di Gabiano che in occasione di Golosaria ha inaugurato nuove strutture ricettive.
“Questo è un chiaro segno – commenta Paolo Massobrio – di come il Monferrato stia diventando sempre più un luogo di investimento turistico e di accoglienza. Sono cresciuti i bed & breakfast e le strutture ricettive del territorio e Golosaria si afferma come l’esempio concreto di un territorio che fa sistema e che dovrebbe essere aperto e attivo durante tutto l’anno”.
Gli arrivi più numerosi si sono registrati dalla Lombardia – dicono a Papillon – ma anche dalla Liguria e naturalmente da tutto il Piemonte. Decisamente giovane il target dei visitatori, con picchi di coppie tra i 25 e i 35 anni.
Ma il 12 e il 13 marzo Golosaria tra i castelli del Monferrato si sposterà in provincia di Asti coinvolgendo oltre a Castell’Alfero, location principale dell’evento con i migliori artigiani del gusto selezionati da Il Golosario, 17 paesi e 8 castelli.

Per maggiori informazioni www.golosaria.it