Nuce International e Food-ing International: A FieraMilanoCity

Con 68 qualificati relatori, 24 sessioni e workshop grandi opportunita' di aggiornamento professionale a Nuce International e Food-ing International

Le conferenze arricchiscono di contenuti importanti le due fiere specializzate, che suscitano un interesse crescente tra gli operatori. Nel suo insieme, l’evento di quest’anno registra un aumento della superficie espositiva del 16%.

È online il programma congressuale di Nuce International 2012, il salone internazionale per l’industria nutraceutica, cosmeceutica, functional foods & drinks e health ingredients – giunto alla terza edizione – e della novità Food-ing International 2012, esposizione e conferenza dedicata agli ingredienti food & beverage per tutti i settori dell’industria alimentare e delle bevande.

Le due manifestazioni, che si svolgeranno dal 25 al 27 settembre a fieramilanocity su una superficie espositiva superiore del 16% all’evento dell’anno scorso, a conferma del buon andamento dei settori di riferimento, vedranno la partecipazione dei qualificati rappresentanti del mondo industriale, associativo, accademico e istituzionale italiani e internazionali.

A Nuce International 2012 si discuterà, ad esempio, di tematiche quali le proposte per una nuova nutrizione e di come un’alimentazione sana e corretta possa prevenire l’insorgere di gravi patologie, del ruolo della nutraceutica quale ponte culturale e di sviluppo tra il settore farmaceutico e quello agro-alimentare, di approccio omics (neologismo riferito ai settori della biologia che terminano con –omics: ad esempio, genomics, proteomics, metabolomics) nelle scienze nutraceutiche e di possibili applicazioni dei nanomateriali nel settore alimentare.

Tra gli eventi da segnalare, l’interessante tavola rotonda dal titolo Tra tradizione e innovazione: il ruolo della ricerca e sviluppo nel successo delle produzioni alimentari, organizzata in collaborazione con la rivista Largo Consumo giovedì 27 settembre, che vedrà la partecipazione, tra gli altri, di rappresentanti di Auchan, Bauli, Chimab e Danone.

In questo contesto si affronterà anche il tema degli additivi alimentari, che rivestono un ruolo importante nella complessa catena della moderna produzione alimentare. L'assortimento food, infatti, non è mai stato così ampio in termini di disponibilità nei supermercati, nei negozi di alimentari specializzati e nella ristorazione. "I consumatori richiedono maggiore varietà, scelta di prodotti, facilità, praticità di preparazione e standard di sicurezza e igiene più elevati – dice Armando Garosci, giornalista di Largo Consumo, rivista di riferimento specializzata nel rapporto tra industria e moderna distribuzione – Il tutto a prezzi che devono essere accessibili". Freschezza prolungata, sensorialità e funzionalità nella preparazione: queste le principali richieste dei consumatori, che possono essere soddisfatte utilizzando moderne tecnologie di trasformazione alimentare, tra cui l’uso di una serie di additivi che si sono dimostrati efficaci e sicuri anche dopo un impiego prolungato e test rigorosi. “Alla tradizionale collaborazione tra industria di trasformazione e fornitori di soluzioni per l'ingredientistica alimentare – aggiunge Garosci – si è aggiunta negli anni la Gdo, la quale ha accresciuto molto la propria competenza circa i processi produttivi ed è oggi in grado di indirizzare le scelte della filiera a monte, sia nei prodotti a marchio proprio sia nei prodotti di marca". I nuovi equilibri si giocano tra le esigenze di funzionalità richieste a molti alimenti, la cultura del "free from" (cioè l'eliminazione di contenuti ritenuti elisibili o non tollerati) e la sostituzione di soluzioni consolidate con le nuove, figlie della ricerca o della riproposizione in chiave moderna di ingredienti di origine naturale. La continua ricerca scientifica si conferma in tutti i casi il motore dell'innovazione.

Il qualificato programma di conferenze prevede inoltre, martedì 25 settembre, un interessante seminario organizzato da Pec–Pharma Education Center sugli integratori, in occasione del quale saranno trattati gli aspetti regolatori e tecnici e verranno presentati dei case study relativi a esperienze focalizzate sugli aspetti tecnico-produttivi.

Mercoledì 26 settembre si svolgeranno, tra l’altro, la sessione Omics approaches in nutraceutical science, organizzata in collaborazione con Cec Editore,e il workshop internazionale Novel technological ingredients from the nature: a new challenge for the food industry di Tecnoalimenti, che si avvale delladirezione di un Comitato Scientifico composto da esperti internazionali di eccellenza del mondo accademico e dell'industria.

Lo stesso giorno si discuterà anche di Food supplement: sustainability and nutritional needs in occasione della conferenza organizzata in collaborazione con Chiriotti Editore.

“Siamo particolarmente soddisfatti dell’elevato livello delle nostre conferenze e workshop, che sono il complemento ideale di manifestazioni specializzate come Nuce International e Food-ing International”, dichiara Marco Pinetti, presidente di Artenergy Publishing, la società organizzatrice.

È possibile registrarsi online alle conferenze agli indirizzi www.nuce.pro e www.fooding.pro.