Non più solo mozzarella di bufala

"L’esigenza di sfruttare tutti i segmenti produttivi della filiera bufalina, di difenderli e di tutelare il consumatore ha creato anche la necessità di portare sul mercato i prodotti derivati dalla bufala italiana".
Cosi ha affermato il rappresentante della D.G.Q. del Mipaaf, Rosario Lopa, sulla filiera bufalina. Una possibilità concreta, sottolinea Lopa, anche per accrescere il reddito degli allevatori dell’area della mozzarella di bufala".
Le diverse iniziative di rilancio del settore e in difesa della tipicità e genuinità dei prodotti bufalini, portati avanti dal Mipaaf in questi ultimi anni, hanno come obiettivo quello di tutelare produzioni tipiche che altrimenti rischierebbero di restare penalizzate, come la stessa mozzarella, la carne e la pelle.
Si tratta, in sostanza, di un settore strategico per l’economia locale. Per gli imprenditori del settore, sostenuti dalle associazioni di categoria, l’estensione della filiera bufalina al comparto della carne e della pelle, va perseguita con un duplice scopo: da un lato creare le premesse per un’adeguata tutela del produttore; dall’altro garantire elevati livelli qualitativi del prodotto da immettere sul mercato nazionale e internazionale in modo da tutelare il consumatore.