Nel giorno della ricorrenza uno slogan: ''cura del diabete per tutti''

Tre milioni di diabetici in Italia: ma uno su tre non lo sa e uno nuovo ogni 5 secondi. Non è un bel record!
A livello mondiale questa malattia fa per l'appunto un neopaziente ogni pochi secondi, con un'accelerazione preoccupante.
Dalla giornata di sabato 11 e domenica 12 novembre 2006 in 300 piazze italiane (per sapere quali si può telefonare al numero verde 800.99333) si potrà, con un semplice test, scoprire se si è diabetici, se a rischio, o come prevenirne la possibilità.
La Giornata del Diabete è organizzata da Diabete Italia (costituito da Società Italiana di Diabetologia e Associazione Medici Diabetologi) con la collaborazione delle associazioni di pazienti e si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e con il patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero della Salute, Ministero della Solidarietà Sociale, Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e Croce Rossa Italiana.
La Giornata punta l'attenzione anche sui più svantaggiati e vulnerabili, cioè tutti coloro che seppur malati non hanno accesso a cure adeguate.
Il riferimento è specie alle popolazioni che sono maggiormente esposte al rischio diabete a causa di circostanze che rendono precaria la loro situazione di salute.
Secondo le previsioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2025 l’80% delle persone con diabete vivrà nei Paesi più poveri. Per questo lo slogan della manifestazione 2006 è “diabetes care for everyone”, cura del diabete per tutti.
Tra i Vip coinvolti c'è anche l’attore e presentatore Tv Flavio Insinna, protagonista dello spot radiofonico che in questi giorni va in onda sui principali circuiti nazionali e locali.
Il sito della Federazione Internazionale del Diabete (IDF), che organizza la Giornata Mondiale

Weblink: www.idf.org

Weblink: www.diabeteitalia.it

In molte parti del mondo si commemora
Sir Frederick Grant Banting* (14 novembre 1891- 21 febbraio 1941)
Fu un fisiologo ed endocrinologo canadese scopritore, con J.R. MacLeod, Charles Herbert Best e J.B. Collip dell'insulina.
L'insulina è l'ormone prodotto dalle Isole di Langerhans del pancreas, che ha il compito di regolare il metabolismo degli zuccheri e che viene usato per la cura del diabete mellito.
Nel 1921, all'università di Toronto, Banting organizzò un laboratorio per le ricerche sulle secrezioni del pancreas.
Nel febbraio 1922, otto mesi dopo l'inizio degli esperimenti, Banting riusciva ad isolare l'insulina.
Aveva 31 anni, e per questa scoperta ricevette, con MacLeod, il premio Nobel per la medicina 1923 che divise con Best e Collip.
Figlio di un agricoltore, Banting si laureò in medicina nel 1916 all'Università di Toronto.
Dopo la sua scoperta dell'insulina, nel 1923 il Parlamento canadese organizzò la Banting Research Foundation per consentirgli di continuare le ricerche.
Nel 1930 venne innaugurato a Toronto l'Istituto Banting.
Morì in un incidente aereo, mentre stava conducendo delle ricerche sulla fisiologia dell'uomo in volo.

*da Wikipedia.org