Nasce l’Euroregione Adriatico-Ionica

E’ stato siglato a Termoli un protocollo d'intesa su una nuova realtà associativa tra le regioni italiane e i paesi balcanici che si affacciano sull'Adriatico (Slovenia, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Albania, Serbia-Montenegro e Grecia), organizzata dal Consiglio d'Europa (Congresso dei poteri locali e regionali) e dal governo italiano insieme con la Regione Molise.
L’iniziativa ha lo scopo di istituire un coordinamento per attuare iniziative di cooperazione transfrontaliera nel bacino, in materia di attivita' economiche, ambiente, infrastrutture, turismo e cultura.
In sintesi lo scopo è consentire questo nuovo "protagonismo" delle Regioni, di impegnarsi in intese bilaterali e multilaterali, all'interno di quei territori per costruire una cultura di collaborazione, di amicizia, di integrazione, di reciproco rispetto e di valorizzazione delle rispettive diversità.
Per ciò che concerne l’Italia, l'Euroregione rappresenta una novità del nuovo assetto costituzionale e della legge di attuazione che è stata recentemente approvata in Parlamento e che permette di dare la possibilita' alle Regioni di definire accordi internazionali in grado di rilanciare le loro rispettive occasioni di sviluppo.
Le tappe future rappresenteranno un cammino rivolto al superamento delle vecchie tensioni tra le due sponde dell'Adriatico; si pensi solo agli antichi problemi della pesca tra Italia e Jugoslavia e della conseguente gestione delle acque territoriali.