Nasce a Milano “Pizza Squisito”

Franchising sociale di San Patrignano:

Con San Patrignano il franchising si tinge di sociale.
Si chiama Squisito! Pizza e bottega la prima pizzeria (al metro) per il reinserimento dei ragazzi dopo la comunità che ha aperto nel pieno centro storico di Verona nell’agosto 2016.
Si tratta del primo progetto pilota (finanziato da Fondazione Cattolica Assicurazioni e Fondazione Cariverona, con il patrocinio del comune di Verona e dell’Ulss 20 del comune scaligero) di una catena di pizzerie che punta a espandersi in tutta Italia.

CON SAN PATRIGNANO FRANCHISING SOCIALE

squisito-pizzeria-san-patrignano-verona-franchising-sociale
Squisito è la prima pizzeria di San Patrignano a Verona
Antonio Morgese, 29 anni, è il responsabile di Squisito. Assieme a lui lavorano tre pizzaioli, ex ospiti della comunità. Carlo, 38 anni (dalla provincia di Verona), Valentina, 28 anni (di Cesenatico, in provincia di Forlì) e Stefano, 24 anni (di Treviso).

La pizzeria al metro di San Patrignano nel centro di Verona ribadisce l’impegno della comunità che dal 1978 porta avanti un progetto di inclusione sociale fondato su tre cardini: accoglienza, recupero e reinserimento.

PIZZA A METRO BY SANPA

squisito-pizzeria-san-patrignano-verona-franchising-sociale
Con Squisito il franchising diventa sociale
Il business, dunque, diventa sociale: l’obiettivo, infatti, è quello di creare occupazione per chi termina l’iter in comunità. Il format è quello del take away: le persone possono prendere la pizza da asporto oppure fermarsi a mangiare in una una saletta al piano inferiore del locale.

L’interior design è dello studio milanese Nicola Gallizia, che ha prestato la sua opera gratuitamente e che ha previsto, all’interno del punto vendita, anche un’area retail dove acquistare i prodotti made in Sanpatrignano (come formaggio, prosciutto, vino e olio).

IMPRENDITORI A MARCHIO SQUISITO

Squisito, quindi, è il primo punto vendita di un social franchising che San Patrignano vuole portare in tutta Italia: la prossima città toccata dal progetto sarà Milano. L’obiettivo finale è quello di fare in modo che i ragazzi che termino l’iter in comunità possano diventare imprenditori in prima persona, aprendo un proprio punto a marchio Squisito.

Valentina Sorci